/ Cronaca

Cronaca | mercoledì 13 giugno 2018, 11:53

Operazione "Bad Iron": camion manomessi per falsare la durata massima dei tempi di guida. Due denunciati (FOTO E VIDEO)

La Polizia Stradale ha condotto l'indagine partita dopo aver riscontrato come molti camionisti presentavano le proprie dimissioni poco dopo l'assunzione.

La Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento della Liguria e quella della Sezione Polizia Stradale di Savona, lo scorso mese di febbraio, hanno iniziato, sotto il coordinamento del Sostituto Procuratore di Savona  Ferro, un’attività di indagine sulle condizioni di lavoro all’interno della ditta di autotrasporto B.G., con sede in Albenga.

Dalle usuali verifiche incrociate alle ditte del settore, era emerso il frequente alternarsi dei dipendenti assunti con mansione di autista, molti dei quali decidevano di interrompere il contratto di lavoro con la ditta dopo poco tempo dall’assunzione, pur non avendo trovato altra sistemazione lavorativa. Si trattava quindi di accertare se il titolare imponesse agli autisti di compiere delle violazioni.

Dalle prime indagini, appariva fondata l’ipotesi che i mezzi aziendali fossero stati modificati con magneti idonei a falsare la lettura del cronotachigrafo digitale, obbligatorio per legge sui veicoli di peso superiore alle 3,5 tonnellate. Inoltre si appurava che il sistema di applicazione dei magneti era predisposto per una rapida applicazione e disapplicazione.

L’alterazione del cronotachigrafo “permetteva” agli autisti di compiere più viaggi nel corso della stessa giornata, falsando la durata massima dei tempi di guida giornalieri e settimanali previsti dalla normativa.

Quindi, l’attività della Polizia Stradale Ligure si concentrava sull’accertamento delle presunte violazioni della normativa sociale e dell’art. 572 del Codice Penale (maltrattamenti), a seguito della reiterazione di tale comportamento nei riguardi di una molteplicità di dipendenti, una vera e propria coazione psicologica che emergeva nel corso dell’indagine.

Dopo una serie di appostamenti e verifiche, lo scorso 22 maggio, la Polizia Stradale, coadiuvata dagli Ispettori dell’Ufficio Provinciale del Lavoro di Savona e da un tecnico esperto in cronotachigrafi, eseguiva una perquisizione presso la sede della ditta e su numerosi mezzi di questa posteggiati nel Comune di Vado Ligure. Nella circostanza, venivano sequestrate 13 calamite di varie misure e 5 trattori stradali che avevano subito le modifiche strutturali descritte in precedenza.

Il titolare B.C. e il dipendente D.V. sono stati denunciati in stato di libertà, per il reato di maltrattamento in concorso tra loro.

rg

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore