/ Cronaca

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 20 giugno 2018, 10:16

Furti in appartamenti e villette tra Pietra e Borgio: 'trasfertista' piemontese finisce in manette (FOTO)

Si tratta di un giovane classe 1993 residente in provincia di Vercelli e domiciliato a Torino

Furti in appartamenti e villette tra Pietra e Borgio: 'trasfertista' piemontese finisce in manette (FOTO)

Grazie ad una attenta attività di indagine ad opera dei Carabinieri e della polizia locale di Borgio Verezzi è stato arrestato uno dei “trasfertisti” dei furti.

Si tratta di un giovane classe 1993 residente in provincia di Vercelli e domiciliato a Torino che nei giorni passati ha posto in essere alcuni furti in appartamenti e villette tra Pietra Ligure e Borgio Verezzi.

Diverse erano state le segnalazioni giunte alle forze dell’ordine, infatti il ragazzo era stato notato mentre si aggirava, zainetto in spalla a bordo di un motorino.

Grazie a queste segnalazioni gli inquirenti avevano già alcuni importanti indizi che hanno permesso loro di intervenire rapidamente ieri pomeriggio quando una donna ha notato una persona introdursi con il viso travisato e coperto all’interno della villa di un imprenditore locale.

Immediato è stato l’intervento dei Carabinieri della locale stazione, coadiuvati anche dall’intervento dell’elicottero, che hanno individuato il giovane che ancora aveva la cassaforte prelevata al’interno dell’abitazione sotto braccio oltre allo zainetto pieno di oggetti atti allo scasso.

I carabinieri sottolineano che proprio grazie alla segnalazione immediata della donna che ha visto il malvivente entrare in casa è stato possibile portare a termine e con un buon esito l’attività di indagine già svolta nei giorni precedenti e grazie alla quale è stato possibile attribuire al giovane altri furti svoltisi in particolare il 12,14 e 18 giugno.

Il valore complessivo dei beni rubati durante tutti i furti posti in essere si aggira intorno ai 10 mila euro, basta pensare che il ragazzo al polso aveva ben 2 rolex e un bracciale in oro.

la refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari e nei prossimi giorni si continueranno le indagini che permetteranno ai carabinieri grazie al controllo sul telefonino del giovane di ricostruirne gli spostamenti e valutare, incrociando i dati in loro possesso, se allo stesso possano essere attribuiti altri furti.

Il giovane verrà processato oggi per direttissima.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium