/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 21 giugno 2018, 10:45

Vado, celebrata la Giornata Mondiale del Rifugiato, il sindaco Giuliano: "Questa è la nostra porta d'accesso e nessuno la chiuderà più"

Partita di calcio tra le Nazioni, dibattito con al centro le storie dei rifugiati e una cena etnico solidale: al centro dell'evento organizzato dalla Cgil Savona

Vado, celebrata la Giornata Mondiale del Rifugiato, il sindaco Giuliano: "Questa è la nostra porta d'accesso e nessuno la chiuderà più"

Una partita di calcio tra le Nazioni, un dibattito che ha visti protagonisti molti rifugiati locali che si sono resi disponibili a raccontare le loro storie e una cena etnico solidale a base di piatti della cucina africana e pakistana

Tutto questo al centro dell'evento organizzato dalla Cgil Savona alla Sms Baia dei Pirati di Vado in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, che si celebra in tutto il mondo il 20 di giugno, appuntamento annuale voluto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che ha come obiettivo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla condizione di milioni di rifugiati e richiedenti asilo che, costretti a fuggire da guerre e violenze, lasciano i propri affetti, la propria casa e tutto ciò che un tempo era parte della loro vita.  

Al dibattito oltre ai rifugiati hanno partecipato il segretario generale della Cgil Savona Andrea Pasa, il sindaco di Vado Ligure Monica Giuliano e Stefania Druetti, responsabile Cgil delle politiche di genere in veste di moderatrice.

"Questo odio e conflitto nasce da un fastidio della nostra comunità, la disperazione la capisco. Abbiamo gli strumenti del dialogo, del confronto e dell'azione che dovrà mettere in campo il Governo e le amministrazioni locali. Questa è la nostra porta e nessuno la chiuderà più" spiega la prima cittadina vadese.

L'incasso della cena è stato devoluto all'associazione Iris che gestisce l’Eufemia info&legal point a Ventimiglia. Un progetto indipendente di assistenza, supporto, orientamento logistico e legale dedicato ai migranti in transito nella città di frontiera Ligure, il cui scopo è favorire e costruire un clima accogliente nella cittadina che da 3 anni vede un passaggio incessante di migranti.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium