/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 26 giugno 2018, 14:52

Caldana (presidente dei giovani albergatori UPA): "Serve lavoro congiunto tra diverse realtà del turismo"

“I proventi dell’imposta di soggiorno vengano reinvestiti per la promozione del territorio”

Caldana (presidente dei giovani albergatori UPA): "Serve lavoro congiunto tra diverse realtà del turismo"

Lavorare in sinergia e reinvestire i proventi della imposta di soggiorno (per chi ha deciso di applicarla, nonostante le perplessità degli albergatori) nella promozione del territorio. È quanto propone Stefano Caldana, presidente sezione Giovani Albergatori dell’UPA di Savona.

 

“In questi ultimi mesi si sono lette tante cose sui quotidiani online e offline circa la tassa di soggiorno che sarà operativa dal 1° di luglio in molti comuni della Provincia di Savona”, dichiara il leader dei giovani dell’Unione Provinciale Albergatori. “Le associazioni di settore, preso atto della decisione di alcuni comuni di voler caricare sul turista tale onere , hanno cercato di mediare istituendo comitati sia comunali che provinciali per poter avere voce in capitolo circa la gestione di suddetta tassa”.

 

“Auspico un lavoro congiunto tra rappresentanti del comparto turistico, che sanno bene cosa chiede il cliente che soggiorna nella nostra provincia, e amministrazione dei comuni interessati”, prosegue Caldana. “Soprattutto spero che tali introiti vengano utilizzati almeno in parte per la promozione turistica del nostro territorio nelle regioni vicine a noi e all'estero. Troppo spesso ho visto negli anni sperperare soldi per questo o quel  progetto senza un ben che minimo piano marketing a lunga scadenza tralasciando una delle cose più importanti: far conoscere il nostro territorio a più persone possibili”.

 

Intervenire quanto prima sulle criticità. “Molte, troppe persone sono ancora all'oscuro delle attrattive turistiche dei comuni della nostra provincia, per assurdo non li sanno collocare nella nostra regione o peggio ancora non ne conoscono il nome”, evidenzia, in piena linea con la posizione espressa dal presidente UPA Angelo Berlangieri. “Dobbiamo cancellare lo stereotipo della 'torta di riso... finita' e rilanciare il messaggio che ciò che abbiamo da offrire è molto di più”.

 

“La base su cui costruire è la conoscenza e la reputazione della Provincia di Savona. Abbiamo già buone infrastrutture che potranno essere aggiornate e ampliate negli anni futuri secondo un progetto serio che sono sicuro verrà realizzato”, conclude Stefano Caldana, presidente sezione Giovani Albergatori dell’UPA di Savona.

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium