/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 29 giugno 2018, 16:18

Firmata la convenzione per i presidi acquatici dei Vigili del Fuoco nei weekend estivi sulle spiagge di Savona e Vado (FOTO e VIDEO)

L’area di copertura operativa va dalla spiaggia libera antistante il piazzale “Eroe dei due Mondi” di Savona al confine con il comune di Vado Ligure dal fiume Quiliano nella spiaggia antistante al “Gruppo ormeggiatori porto”

Firmata la convenzione per i presidi acquatici dei Vigili del Fuoco nei weekend estivi sulle spiagge di Savona e Vado (FOTO e VIDEO)

Il comune di Savona ed il comune di Vado Ligure con l’obiettivo di integrare il servizio di Salvamento Acquatico, negli arenili non assentiti in concessione ricadenti nella giurisdizione dello stesso comune hanno affidato al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Savona il compito di mettere in atto un presidio di salvamento acquatico  nell’ambito della spiaggia di fronte alla sede centrale di Savona in via Nizza 35.

La convenzione è stata resa operativa tramite la firma del documento da parte del Prefetto Antonio Cananà, del sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, di Monica Giuliano, prima cittadina del comune di Vado Ligure e del Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco Vincenzo Bennardo.

L’area di copertura operativa va dalla spiaggia libera antistante il piazzale “Eroe dei due Mondi” di Savona al confine con il comune di Vado Ligure dal fiume Quiliano dalla spiaggia antistante al “Gruppo ormeggiatori porto”, nei weekend estivi, giorni di maggiore afflusso dei bagnanti, di luglio, agosto fino al 2 settembre, compresa la festività di Ferragosto, per un totale di 6 ore al giorno.

Il servizio è costituito dal personale dei Vigili del Fuoco con una squadra composta da due unità, con il battello pneumatico e/o moto d’acqua. La spesa si aggira intorno ai 3000 euro a Comune e si tratta della prima volta che nella Provincia di Savona viene reso operativo questo protocollo.

Il documento nasce dalle considerazione del ruolo e della responsabilità civica dei comuni costieri lungo il litorale di giurisdizione devoluto alla libera fruizione e dall’opportunità di assicurare, quale tutela di un primario interesse pubblico di un servizio di salvamento con caratteristiche di professionalità ed efficacia” spiegano dal Corpo provinciale dei Vigili del Fuoco.

“Le unita del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco costituiscono una componente qualificata nell’ambito degli assetti operativi utilizzabili dall’organizzazione SAR nazionale, anche in ragione delle proprie elevate specificità tecnico-professionali, per la prestazione di interventi di soccorso tecnico urgente e salvaguardia della vita umana anche in ambito marino” continuano. 

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium