/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | martedì 17 luglio 2018, 17:48

Savona, firmato il piano di rimodulazione per Palazzo Della Rovere, i lavori inizieranno nel 2021

Novità anche per la Banda Forzano, trovata la nuova sede in un locale di via Zara

Un auditorium a disposizione del campus universitario, spazi da destinarsi agli uffici comunali e il trasferimento della biblioteca civica. Questi i progetti che sono stati sono inseriti nella sistemazione dello storico Palazzo Della Rovere di Savona per cui questa mattina è stato firmato, durante la riunione di Giunta, il piano di rimodulazione e a gennaio del 2021 inizieranno i lavori del primo lotto.

“Ips si è occupata di effettuare la revisione del programma di valorizzazione del palazzo entro dicembre visto che il campus universitario si è tirato indietro, con il Demanio e i Beni Culturali abbiamo firmato una bozza di convenzione e poi è passata in Giunta, ora ci sarà l’iter del consiglio comunale e poi ci metteremo alla ricerca di ulteriori fondi” spiega il sindaco di Savona Caprioglio.

Le risorse provengono oltre che dal Fondo Strategico Regionale per 2milioni e 360 mila euro (fondi riallocati originariamente destinati a Villa Zanelli per cui verranno utilizzati grazie al Bando Periferie) anche per la vendita delle azioni di Autofiori per 3 milioni e 740 mila euro, 2360, 1 milione di alienazione e 3 milioni 546 mila euro da ricercare nei fondi Mibac, asse 6 e Por Fesr.

“Ringrazio proprio il Demanio e i Beni Culturali nelle persone di Elisabetta Piccioni e Mario Parlagreco, è stato svolto un grande lavoro di squadra al fine di valorizzare un immobile che è un patrimonio storico per renderlo fruibile ai cittadini tramite funzioni pubbliche” continua la prima cittadina.

Oltre a Palazzo Santa Chiara è stata trovata una nuova sede per la Banda Forzano tramite una convenzione approvata per il triennio 2018-2021, un obiettivo che già in campagna elettorale si prefiggeva il sindaco. I locali, presenti di via Zara quindi ospiteranno la banda savonese, nell’edificio Torre N al piano terra e al secondo piano.

Il piano di riequilibrio finanziario non consente lo stanziamento di fondi e quindi il complesso bandistico in collaborazione con l’Orchestra Sinfonica, creando una specie di polo musicale, si occuperà del pagamento che si attesta intorno ai 1000 euro l’anno.

“Sarà una bella convivenza tra la Banda e l’Orchestra, insieme troveranno nuove idee e stimoli importanti, lavorando a contatto con i giovani, con i cittadini e la città stessa” conclude il sindaco Caprioglio.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore