/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | martedì 17 luglio 2018, 10:50

Ceriale, sgominata dai carabinieri la banda che rapinava i passeggeri su treni e autobus

In manette sono finiti tre cittadini di origine magrebina. Il primo episodio si era verificato nel mese di marzo sul treno Ventimiglia-Genova

Sgominata la gang dei rapinatori dei treni e degli autobus grazie alla complessa attività di indagine interamente condotta dalla Stazione Carabinieri di Ceriale sotto la direzione del Sost. Proc. Dr.ssa Cristiana Buttiglione.

Il primo episodio si è verificato nel mese di marzo quando due individui a bordo del treno della tratta Ventimiglia-Genova, in orario serale hanno rapinato un passeggero sottraendogli il giaccone e una borsa.

Le modalità con le quali è stata posta in essere la rapina sono state particolarmente violente, infatti la vittima, un 25enne di Vado Ligure è stato malmenato violentemente.

A seguito della denuncia iniziava l’attività di indagine dei Carabinieri che hanno preso visione delle immagine registrate dalla videosorveglianza notando in particolare uno dei rapinatori che indossava un cappellino rosso.

Il secondo episodio si è verificato poi il 3 maggio quando è stata commessa una seconda rapina, questa volta a bordo di un autobus di linea tratta Alassio-Finale Ligure in orario notturno, ai danni di un minorenne di Loano.

Anche in questo caso il modus operandi era stato particolarmente violento e al ragazzino era stata strappata via la collanina che gli era stata donata dall’anziana nonna.

Dopo essere stato malmenato dai 3 individui, inoltre, il giovane veniva lasciato dolorante a bordo del mezzo mentre gli autori scendevano nel centro di Ceriale facendo perdere le proprie tracce.

A questo punto il quadro era chiaro e grazie ad, una serie di servizi di osservazione sul territorio da parte dei carabinieri cerialesi si era riusciti a risalire al luogo dove dormiva il rapinatore con il cappellino rosso.

Da qui, durante un controllo del territorio i militari sono andati a colpo sicuro all’interno delle ex colonie Veronesi dove lo straniero è stato trovato e con lui il “famoso” cappellino e alcune cover telefoniche proventi di un furto effettuato a Ceriale ai danni di un giostraio 78enne che ne aveva denunciato il furto proprio alla caserma dei Carabinieri. (LEGGI ARTICOLO).

L’arrestato, Moughi Mouad con numerosi precedenti specifici e per droga ha poi confessato quanto gli era stato contestato e confermato le informazioni già in possesso dei Carabinieri che nel frattempo erano riusciti ad  individuare gli ultimi due componenti della banda: Maait Soufiane e Abid Ayoub il primo anch’egli con diversi precedenti e senza fissa dimora e il secondo con alcuni piccoli precedenti e residente a Ceriale con la famiglia.

Raccolti tutti gli elementi probatori, su richiesta dei carabinieri, veniva emessa un 'ordinanza di custodia cautelare sui restanti appartenenti alla banda di rapinatori. Ieri ne è stata data esecuzione e gli ultimi componenti sono stati accompagnati nel carcere di Imperia a diposizione dell'Autorità Giudiziaria.

I militari stanno effettuando altri accertamenti per attribuire alla gang ulteriori episodi di delitti perpetrati a bordo di mezzi pubblici nella provincia di Savona, si parlerebbe almeno di altri 5 episodi, ma non si esclude che nel corso delle indagini possano emergerne altre e che nel frattempo altre vittime si convincano a denunciare reati simili subiti e che potrebbero essere attribuiti ai tre malviventi.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore