/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 17 luglio 2018, 16:48

Finale Ligure, la Lega si prepara per le elezioni comunali 2019: "Saremo una forza politica alternativa alla disastrosa amministrazione Frascherelli"

"Le alleanze che la Lega stringerà, rivolte verso le tradizionali forze moderate e la società civile, saranno fondate su programmi che assicurino indispensabili interventi sulle complesse problematiche della Città. "

Finale Ligure, la Lega si prepara per le elezioni comunali 2019: "Saremo una forza politica alternativa alla disastrosa amministrazione Frascherelli"

Nell’imminenza delle prossime elezioni amministrative, il consiglio di sezione e i militanti finalesi della Sezione della Lega di Pietra Ligure e Finale Ligure hanno approvato all’unanimità la mozione del Segretario di sezione, cui viene devoluto ampio mandato per la determinazione delle alleanze e l’individuazione del prossimo candidato Sindaco.

Affermano dalla Lega: "La Lega si porrà come forza politica alternativa alla disastrosa amministrazione Frascherelli e nessuna alleanza programmatica vedrà coinvolti esponenti dell’attuale maggioranza, ugualmente responsabili dello sfacelo cui hanno condotto la Città.

"Le alleanze che la Lega stringerà, rivolte verso le tradizionali forze moderate e la società civile, saranno fondate su programmi che assicurino indispensabili interventi sulle complesse problematiche della Città. La miope politica del PD e dei suoi scudieri ha purtroppo abbandonato ogni investimento sulla promozione turistica e culturale della Città, la programmazione urbanistica, gli interventi infrastrutturali ed efficaci politiche sociali e del lavoro." spiegano.

Ecco poi alcune linee programmatiche "Primaria importanza dovrà essere destinata al recupero di un rapporto con i Cittadini, con i lavoratori Comunali e della Società Finale Ambiente, letteralmente calpestati dall’Amministrazione più arrogante che si ricordi.La nuova Amministrazione dovrà procedere ad una radicale modifica della raccolta differenziata dei rifiuti, fondata sul principio “chi più differenzia meno paga”, che assicuri il rispetto dei limiti di legge, senza opprimere il Cittadino con scelte demenziali o che incidano sul decoro della Città. Il decoro, più in generale, dovrà essere garantito con un nuovo piano di spazzamento e cura del verde,come elemento minimo di una Città che deve non solo essere, ma anche apparire curata ed accogliente.

La manutenzione ordinaria dovrà essere assicurata, per tutti i Rioni e le Frazioni, con sistematici interventi,programmati sull’intero mandato amministrativo e non con roboanti ed effimeri interventi a spot.

La ricerca e lo sviluppo di nuovi flussi turistici, non dovrà dimenticare la fondamentale importanza del turismo balneare e, per lotti funzionali, dovrà darsi seguito al progetto preliminare per la protezione degli arenili, da tempo agli atti del Comune. La disciplina del turismo outdoor, pur nel rispetto delle norme regionali e del Codice della Strada pertinenti,dovrà condividersi con le Associazioni sportive ed i rappresentanti dei diritti dei proprietari, abbandonandola fallimentare e divisiva esperienza di Finale Outdoor Resort.

In assenza di un progetto condiviso con le attività ricettive, si dovrà procedere all’eliminazione della “tassa di soggiorno” ed ogni azione che incida sulle dinamiche turistiche dovrà essere preliminarmente concordata con le categorie economiche, verosimilmente organizzate in una Consulta Permanente. La folle disciplina di parcheggi ed accesso ai centri urbani approvata dall’Amministrazione PD dovrà essere razionalizzata all’interno di un Piano del Traffico, non senza il ripristino della situazione precedente per i parcheggi per residenti e l’accesso al Borgo .

Significative risorse dovranno essere destinate allo Sport ed al Volontariato, vero fulcro delle politiche sociali e di prevenzione della nostra Comunità. L’approvazione del definitivo Programma di Governo, che contenga i sommi capi illustrati, dovrà comunque seguire un efficace percorso di partecipazione dei Cittadini, delle categorie economiche e delle parti sociali" concludono. 

cs

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium