/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | venerdì 20 luglio 2018, 09:07

Albisola Superiore, Mario Incudine e Antonio Vasta in 'Anime migranti'

Lunedì 23 luglio, alle 21.00, sulla Terrazza sul mare nell'ambito della rassegna “In movimento. Voci e suoni da un racconto mediterraneo”

 

Prenderà il via lunedì 23 luglio, alle 21.00, sulla Terrazza sul mare, sulla passeggiata Eugenio Montale ad Albisola Superiore, la rassegna “In movimento. Voci e suoni da un racconto mediterraneo”, progetto diretto da Sergio Maifredi.

Ad aprire il primo appuntamento del Teatro Pubblico Ligure sarà lo spettacolo-concerto di Mario Incudine e Antonio Vasta, due artisti ormai noti in Liguria che presenteranno “Anime migranti”, una riflessione in musica e parole su chi ieri e oggi ha lasciato e lascia il proprio Paese in cerca di fortuna.

“Anime Migranti è una riflessione in musica e parole per non dimenticare da dove veniamo “ - spiega Mario Incudine -. “Dalla Sicilia si alza un canto a più voci per raccontare il nostro tempo, un tempo in cui le nostre coste sono teatro di tragedie, di gommoni che non riescono a toccare riva e di mari divenuti ormai cimitero di molti, troppi, disperati. Per questo motivo ho voluto condividere questo progetto con tanti amici, grandi artisti, attori, cantanti, musicisti, perché sia un unico abbraccio, un’unica voce, un’unica bandiera per la pace e l’amore tra i popoli. C’era una Sicilia che ha visto partire, c’è una Sicilia che vede arrivare. Questa è la Sicilia che si è messa a cantare”.

La migrazione, secondo Incudine, è uno specchio nel quale si riflette la Storia, una tela di occhi che si scambiano sguardi disperati da Palermo a Tunisi, da New York a Baghdad.

"Mario trasmette, reinventa e ricrea”. - ha affermato Moni Ovadia - “Il cunto nella sua bocca e nei suoi segni espressivi ti fa saltare sulla sedia, ti fa partecipe di vicende secolari, ti diverte e ti destabilizza, perché Mario nel suo essere hic et nunc è antico e contemporaneo, giovane e vecchio, con lui siamo nel passato, nel presente e nel futuro, ma non solo noi, lo è l’eredità di cui siamo collettivamente ed individualmente responsabili."

Lo spettacolo è a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Il progetto è sostenuto da: MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), Assessorato alla Cultura della Regione Liguria, Assessorati al Turismo e alla Cultura del Comune di Albisola Superiore.

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore