/ Eventi

Eventi | sabato 21 luglio 2018, 10:00

Palio storico dei rioni di Albenga: la Taberna dei Forzieri lancia l'Aperipalio

Dalle 19 sangria e ravioli fritti, mentre dalle 19:30 alle 2 saranno aperte le cucine con tigelle, cinghiale stracotto, "zuppa di magro del camallo" e tante altre prelibatezze

È proprio vero che il cibo crea legami e che i più grandi miracoli, oggi come ai tempi di Gesù, avvengono proprio a tavola. In un clima di assoluto divertimento e goliardica collaborazione, la Taberna dei forzieri, all'ombra del Battistero paleocristiano di Albenga, nel cuore pulsante del centro storico di Albenga, si prepara a vivere la terza serata del Palio storico con una ricercata cucina tradizionale, in stile medioevale, proprio per riscoprire i sapori di un tempo.

La Taberna dei forzieri inizierà alle ore 19, questa sera, con la novità dell'aperipalio, a base di sangria e ravioli fritti, per poi proseguire, con l'apertura delle cucine alle 19.30 e fino alle 2.

Il piatto forte, apprezzato da tanti buongustai, resta lo zimino o zemino alla ligure, la zuppa “di magro”, appartenente alla cucina povera, consumato da coloro che si prestano a fare lavori pesanti come quello del navigante, del “camallo” (cioè colui che porta i carichi dalla nave alle banchine) e del pescatore. Questo piatto altamente digeribile ed energetico, è stato rivisitato per l'occasione del Palio storico, in una versione estiva, proprio per non appesantire eccessivamente.

La trippa accomodata,  fornita ogni mattina dai tripparoli genovesi (venditori di trippa) proprio per garantirne la freschezza, riscuote grande successo tanto da essere stata, "sold out" ieri e l'altro ieri, già a metà serata. Infine, oltre alla panizza fritta e al cinghiale stracotto, per rapire e promuovere sapori antichi fuori regione, vanno a ruba le tigelle, le tipiche focaccine modenesi preparate, ogni mattina per la sera, con un semplice impasto a base di farina, strutto, olio, acqua e lievito e poi cotte nella pietra lavica e farcite di lardo battuto con aglio e rosmarino o prosciutto cotto.

Per chi voglia dunque divertirsi degustando buona cucina nello scenario di un panorama unico sotto le torri ingaune e davanti al Battistero, la Taberna dei forzieri è sicuramente il posto giusto! Provare per credere!!

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore