/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 24 luglio 2018, 14:05

L'onorevole Battelli: "A Varazze numeri impressionanti sul gioco d'azzardo"

L'accusa del parlamentare del Movimento 5 Stelle: "Il sindaco Bozzano sta sprecando troppo tempo senza affrontare il problema"

L'onorevole Battelli: "A Varazze numeri impressionanti sul gioco d'azzardo"

Sergio Battelli, Presidente della Commissione Politiche dell'Unione Europea presso la Camera dei Deputati, parlamentare del Movimento 5 Stelle, punta la lente sul problema del gioco d'azzardo. E lo fa partendo dall'Estremo Levante Savonese. Afferma Battelli: "Ecco una ricostruzione dei fatti sull'immobilismo di chi amministra il mio Comune, Varazze, nel contrasto al gioco d'azzardo. Lo voglio ricordare, perché sono dati impressionanti, lo scorso anno solo a Varazze c'erano 126 apparecchi distribuiti nelle sale slot spuntate come funghi, anche accanto a luoghi sensibili.

I nostri concittadini nel 2017 hanno speso un totale di 24.464.665 milioni di euro in giocate, praticamente 1.855 euro suddivisi per ogni cittadino (Varazze è il sesto comune in Liguria per spesa pro-capite).

A sostegno dell'urgenza di misure di contrasto al livello nazionale - con il Decreto Dignità vieteremo la pubblicità su ogni mezzo - è intervenuta ieri anche la Caritas di Roma, con il Rapporto su minori e azzardo, secondo la quale quasi il 40% dei ragazzi dagli 11 ai 13 anni conosce e gioca d'azzardo, percentuale che sale al 72% per i ragazzi che frequentano le scuole superiori.

Ma torniamo ai fatti di Varazze.

Il 30 marzo 2017, i consiglieri di opposizione Busso e Petrini (gruppo “Varazze la tua città”) portano in consiglio comunale una mozione volta a modificare il regolamento comunale relativo alle sale gioco per contrastare l’azzardopatia.

Il sindaco Alessandro Bozzano non può tirarsi indietro di fronte a una proposta del genere: che figura ci farebbe? Il gioco d'azzardo è davvero una piaga per Varazze e lui lo sa. Ma non può nemmeno schierarsi apertamente a favore visto che la proposta arriva da altri. Allora convoca commissioni, coinvolge il segretario, studia a fondo la questione, come dichiarato nei giorni scorsi in risposta alle mie accuse. Eppure, a distanza di 16 mesi, il regolamento non è ancora stato modificato. Verifiche ancora in corso o scarsa volontà politica di porre un freno a un problema di enorme portata?

D'altra parte il mio sindaco da politico esperto e navigato quale è, adotta la seguente strategia: quando una forza di opposizione gli fa una proposta di buon senso, che potrebbe essere ben vista dai cittadini e, quindi, dagli elettori, ma che sfortunatamente non incontra i suoi favori, prende tempo. Dice che la proposta è interessante, ma che va studiata con cura e attenzione, in modo da escludere ogni possibile ripercussione negativa per il Comune. E fa trascorrere il tempo, nella speranza di riuscire, alla fine, a non fare proprio nulla. Potrei citare svariati casi simili a quello del contrasto al gioco d'azzardo.

Dopo tutte queste considerazioni, mi permetto di dare un consiglio benevolo al mio sindaco: quando vengono fatte proposte di buon senso, a prescindere dal gruppo politico che le promuove, le accetti. Oppure, abbia il coraggio di prendere apertamente posizione contraria, senza giocare a perdere tempo. Perché di tempo a Varazze, se ne è già sprecato troppo".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium