/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 06 settembre 2018, 08:24

Viadotto Teiro di Varazze, il comitato chiede l’intervento di Arpal per rumore e vibrazioni

Il Comitato: "C’è una perizia tecnica autorevole su tutti i viadotti cittadini: tutti a rischio distacco di calcestruzzo e critiche aspre sulle manutenzioni carenti".

Viadotto Teiro di Varazze, il comitato chiede l’intervento di Arpal per rumore e vibrazioni

Il viadotto Teiro, in particolare dopo la tragedia di Genova del ponte Morandi, ha scatenato diversi dubbi e perplessità.

La mobilitazione del Comitato del Teiro chiede risposte certe, in primis sulla questione sicurezza e poi, valutazioni specifiche anche per rumori e vibrazioni.

Il comitato ha chiesto in particolare, dunque, al sindaco di Varazze di far intervenire sul posto i tecnici dell’Arpal di Genova affinché siano fatti attenti rilievi sulla rumorosità e sulle vibrazioni provocate dal traffico in transito sul cavalcavia su via Piave e via Montegrappa. Il sindaco Alessandro Bozzano, da parte sua, ha assicurato pieno appoggio a tale richiesta e, quindi, ha dato un’altra risposta positiva alle istanze e preoccupazioni dei cittadini residenti e dei turisti che vivono lungo il tracciato della A10.

Si tratta della prima istanza di consulenza di un Ente terzo, accolta dal Comune di Varazze al quale, tuttavia, tra breve il comitato sottoporrà altri due impegni precisi dello stresso tenore: chiedere ufficialmente l’intervento della Protezione civile nazionale e dei reparti speciali dei Vigili del fuoco in grado di valutare staticità e affidabilità delle strutture portanti del viadotto, questione per residenti e turisti irrinunciabile, per avere risposte certe dopo anni di preoccupanti analisi fin troppo tranquillizzanti da parte della Concessionaria.

Il comitato viadotto Teiro apprezza la linea imboccata sin dallo stesso giorno della sciagura di Genova dal sindaco Bozzano per la tutela dell’incolumità dei cittadini. La stessa organizzazione civica di Varazze, tuttavia, si sta muovendo in ogni direzione per avere qualche risposta anche al di fuori dei canali istituzionali. A sostenere tale linea di lavoro, nei giorni scorsi è stato l’ingegnere edile Simone Perata, stimato professionista locale nonché amministratore di stabili, il quale con una sua precisa perizia tecnica su tutti i viadotti che attraversano Varazze, ha messo in luce numerose e allarmanti criticità, con dettagli su erosioni, degrado, incuria generalizzata, puntando anche il dito sui restauri affrettati, verifiche non effettuate per anni, rischi per danni strutturali non visibili. Tutte conferme dei peggiori timori degli abitanti che da anni si battono per ottenere dati certi su staticità e criticità per costringere chi di dovere a intervenire. Il comitato conta prossimamente di entrare in possesso di tale documento per dargli la più ampia divulgazione possibile.

Tornando alla parte pubblica, il sindaco di Varazze ha già fatto protocollare la perizia dell’ingegner Perata, con l’intendimento di inviarla all’assessore regionale alla Protezione civile, Giacomo Giampedrone il quale sta costruendo un dossier ligure su tutte le criticità di ponti e viadotti da inviare al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Una volta arrivati a Roma, i dati potranno costituire oggetto di una specifica ordinanza di intervento verso Autostrade.

Anche per questa linea di lavoro il comitato viadotto Teiro si dice soddisfatto, ma senza dimenticare che sulla sicurezza i cittadini – ormai inascoltati da almeno vent’anni - chiedono con forza risposte rapide ed efficaci da ciascun Ente pubblico che si voglia impegnare in tal senso.

Evitiamo altri crolli per evitare il crollo di tante vite. E sia finalmente revocata la concessione a una società che finora ha mostrato solo una pericolosa inettitudine e incapacità nell’unico segno del profitto.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium