/ Attualità

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 17 settembre 2018, 12:45

Finale Ligure "riabbraccia" il Circolo degli Inquieti (FOTO e VIDEO)

Il celebre "Festival dell'Inquietudine" torna nel Finalese sotto una veste tutta rinnovata. Oggi la presentazione ufficiale

Finale Ligure "riabbraccia" il Circolo degli Inquieti (FOTO e VIDEO)

Alcuni anni fa, a Finalborgo, si svolgeva il "Festival dell'Inquietudine": una rassegna nella quale si parlava di attualità, cultura, costume e società sempre sotto un'ottica particolare e originale. Gli "Inquieti", infatti, erano coloro che non amavano fermarsi all'apparenza delle cose per affrontarle con superficialità, ma che amavano eviscerare gli argomenti a fondo, mossi proprio dalla loro "inquietudine", che poi si tramutava in sete di sapere e di conoscere.

Che il Circolo degli Inquieti in questo 2018 sarebbe tornato a collaborare con Finale Ligure, era cosa nota ormai da tempo: il sindaco Ugo Frascherelli e l'assessore alla cultura Claudio Casanova, infatti, già all'inizio dell'estate, presentando il calendario degli eventi, avevano svelato questa anticipazione.

Oggi quell'anteprima è una realtà: stamattina, infatti, nella sala consiliare del Comune di Finale Ligure, è stato presentato il ritorno del "Festival dell'Inquietudine" sotto una veste del tutto rinnovata: "Inquieti di Savona", quest'anno dedicata al tema della "Terra Inquieta".

"Terra Inquieta" si svolgerà venerdì 21, sabato 22, domenica 23 settembre e venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 ottobre 2018 (giornata conclusiva con la proclamazione dell' "Inquieto dell'anno").

"Terra Inquieta" vede il sostegno del Comune di Finale Ligure che ospita nuovamente, dopo alcuni anni di assenza, i progetti promossi dal Circolo degli Inquieti. Un caldo ringraziamento va dunque alla Città di Finale, al Sindaco Ugo Frascherelli e all'Assessore alla Cultura e Turismo Claudio Casanova che hanno aderito alla proposta culturale degli Inquieti, rendendosene parte attiva, condividendone appieno il sentimento di Inquietudine che da sempre contraddistingue le attività del Circolo.

Gli organizzatori ringraziano inoltre la Coop Liguria per l'iniziativa riguardante "Terra libera" del 5 ottobre e la Fondazione De Mari, da sempre attenta a queste iniziative. Grazie anche per i patrocini concessi dall'Associazione Amici d'Israele e dall'Università di Bologna e da Fed Api Med.

Nel corso della conferenza stampa di questa mattina, il sindaco finalese Ugo Frascherelli ha sottolineato "Gli argomenti intellettualmente stimolanti dell'evento" e ha fatto presente che la rassegna di incontri comprenderà due dibattiti sulla arrampicata. "Finale è un paese di mare ma fortemente legato alla montagna. E quest'anno ricorre il cinquantennale della nascita degli sport legati alla arrampicata a Finale".

L'assessore Casanova ha poi aggiunto: "Un'organizzazione complessa, molto più di quanto si potrebbe immaginare osservando la fluidità del risultato finale".

Altro tema importante della rassegna sarà quello dell'apicoltura, che a Finale Ligure può vantare una grande tradizione portata avanti dai monaci e studiata da esperti entomologi giunti anche dall'estero.

Il commento degli organizzatori: "Siamo felici di tornare qui dopo tanti anni, l'ultima edizione risale al 2014. In quella occasione avevamo premiato il sindaco di Lampedusa per il percorso di accoglienza condotto verso i migranti mentre possiamo già svelare che L'inquieto dell'anno 2018 sarà l'archeologo Valerio Massimo Manfredi, per l'attendibilità storica dalla quale parte nella stesura dei suoi romanzi, coniugando fedeltà scientifica e talento di scrittore".

Un altro appuntamento importante sarà la "Inquietus Celebration", dedicata a Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino. Ancora un fil rouge con il tema dell'archeologia e della scoperta che attraversa i vari incontri di questa edizione.

E naturalmente c'è un filo logico anche tra Terra Inquieta e Finale For Nepal: il tema della montagna, dell'incontro di culture, della scoperta e della condivisione. Le due manifestazioni nelle date si alternano, si intersecano, collaborano nell'ottica di un unico e "inquieto" percorso di conoscenza.

In allegato, il programma completo.

Files:
 Vera CS 17 09 18 Programma Inquietudine  (143 kB)

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium