/ Albenganese

Albenganese | 18 settembre 2018, 19:05

Albenga, “Santi oltre il Fiume” inaugura la stagione delle proposte culturali della Fondazione Gian Maria Oddi

L'iniziativa sarà focalizzata sulla divulgazione dei risultati della recente campagna di scavo effettuata a San Clemente.

Albenga, “Santi oltre il Fiume” inaugura la stagione delle proposte culturali della Fondazione Gian Maria Oddi

Si inaugura con “Santi oltre il Fiume” la stagione autunno – inverno 2018/19 delle proposte culturali (museali, artistiche e musicali) della Fondazione Gian Maria Oddi.

L'iniziativa, fortemente voluta dalla Fondazione assieme alla Soprintendenza APAB Liguria ed al comune di Albenga, sarà focalizzata sulla divulgazione dei risultati della recente campagna di scavo effettuata a San Clemente, senza dimenticare il doveroso accento sul legame storico – religioso tra questo e l'altro “Santo oltre il Fiume”: San Calocero al Monte.

Due aree di grande rilievo anche perchè recenti studi su di esse hanno rivelato una serie di evidenze (e perchè no, curiosità, si pensi ad esempio alle sepolture anomale), che continuano a suscitare grande interesse sia nella comunità scientifica, che in quella dei semplici appassionati. Il 2018 ha visto infatti diverse comitive in visita a San Calocero, grazie all'apertura settimanale del sito. Inoltre è stato terminato il restauro di alcuni reperti notevoli, rinvenuti nell'ultima campagna di scavo, che saranno visibili per la prima volta al pubblico, proprio in questa occasione.

L'area di San Clemente, quest'anno, è stata oggetto di nuovi studi da parte della Soprintendenza Ligure (con il nucleo STAS). Proprio quest'estate, chi passava sul ponte, poteva notare un andirivieni di mezzi, gommoni, subacquei e personale di supporto, intenti in una campagna di ricerca che ha rivelato una serie di dati inaspettati, che verranno svelati al pubblico durante la visita, e renderanno, ancora una volta, Albenga un sito archeologico di rilevante importanza all'interno del panorama ligure.

Ghiotta occasione, dunque, per fare una visita “speciale” guidati dalla dott.ssa Marta Conventi, della Soprintendenza APAB Liguria, e dalla dott.ssa Francesca Giraldi, della Fondazione Oddi. L'iniziativa si inserisce nel programma di “riscoperta e valorizzazione di aree desuete o dimenticate” - pensiamo allo spettacolo teatrale, organizzato dall'assessore Alberto Passino, nell'area dell'anfiteatro Romano o al concerto in San Vittore...

L'iniziativa sarà così organizzata: venerdì 21 Settembre 2018 appuntamento alle 15:30 a Palazzo Oddo – III piano – per la proiezione del filmato su San Calocero e la visione dei reperti recentemente rinvenuti nell'area, successivamente trasferimento a San Clemente per spiegazione e presentazione dei risultati della campagna di scavo 2018 ed infine visita guidata al complesso di San Calocero.

Patrimoni da valorizzare, conservare, far conoscere e sopratutto far amare, sia dai residenti che da un turismo che sia sempre più consapevole ed attento. Non nasconde la sua soddisfazione il presidente della Fondazione Oddi avv. Alessandro Colonna, che in proposito aggiunge:

Sono felice di constatare che il sito archeologico di San Calocero stia riscuotendo così tanto interesse. Le visite guidate che la Fondazione ha condotto in loco nei mesi scorsi hanno riscosso una buona affluenza di pubblico e di questo non posso che essere soddisfatto. Ringrazio tutti coloro che si sono adoperati per la realizzazione dell'evento e, in particolare, la Soprintendenza APAB Liguria nella persona della Dott.ssa Marta Conventi per aver accettato con entusiasmo il nostro invito a condurre la giornata del 21 settembre. Sono sicuro che il suo autorevole contributo scientifico renderà ancora più interessante la visita ad uno dei siti archeologici più belli e suggestivi del nostro comprensorio".

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium