/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | domenica 07 ottobre 2018, 18:10

Bombardier, la segreteria provinciale del Pd: "Totale disimpegno"

"Chiediamo al Governo di verificare se ci sono le condizioni per stipulare accordi con un'azienda produttiva per il mercato italiano, come Hitachi"

Bombardier, la segreteria provinciale del Pd: "Totale disimpegno"

Dopo le preoccupazioni su Piaggio Aerospace, il Partito Democratico mostra preoccupazioni anche per quanto riguarda la situazione di Bombardier.

Affermano dalla segreteria provinciale del PD: "Si è assistito a un sostanziale arretramento sulla proposta dell'azienda Bombardier che fa intravedere un possibile disimpegno nel sito produttivo di Vado Ligure. Dopo aver realizzato in questi anni un utile di 600 milioni di euro grazie alla capacità produttiva e tecnologica del sito e alla professionalità di 530 lavoratori, oggi l'azienda si presenta al ministero senza un piano industriale credibile e sopratutto senza un piano di investimenti che possano garantire la sopravvivenza della storica azienda di Vado. In queste condizioni e difficile pensare che il sito possa avere un futuro nel 2019, terminata la produzione assegnata delle locomotive Trax". 

"Diventa imprescindibile che questa azienda dia un segnale preciso della propria volontà di continuare a produrre materiale nel nostro Paese e per il mercato italiano. Sarebbe importante che in questa fase di incertezza l'azienda riportasse dalla Germania a Vado una parte della produzione di materiale rotabile".

"Chiediamo al Governo di verificare se ci sono le condizioni per stipulare accordi con un'azienda produttiva per il mercato italiano, come Hitachi: L'Italia ha urgente bisogno di nuovi treni ad alta velocità e per il servizio passeggeri locale. Il Pd continuerà a stare vicino ai lavoratori, condividendo con loro l'obiettivo di salvare e rilanciare la fabbrica di Vado dopo che il nostro territorio ha subito una grave emorragia occupazionale in questi ultimi anni". 

cs

"L'Europa che c'è. L'Europa che verrà."

Il dibattito in diretta sul nostro quotidiano. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore