/ Savona

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Savona | venerdì 12 ottobre 2018, 16:30

Savona, il consigliere Remigio attacca la nomina di Levrero: "Mi avevano promesso l'assessorato"

La sostituzione del senatore Ripamonti, ex assessore alla sicurezza del comune al centro delle parole del consigliere della Lega. Entra in consiglio comunale al posto del nono neo assessore Sotgiu Alessandro Delucis

Savona, il consigliere Remigio attacca la nomina di Levrero: "Mi avevano promesso l'assessorato"

Quest'oggi, nel consiglio comunale di Savona, primo giorno di "scuola" per il nono assessore, ex consigliere comunale e presidente della prima commissione consiliare Andrea Sotgiu e il sostituto del senatore Paolo Ripamonti, il neo assessore alle politiche della sicurezza, alla polizia urbana e agli edifici scolastici Roberto Levrero.

Durante la seduta del consiglio è stata ufficializzata la surroga delle dimissioni di Sotgiu con il contemporaneo ingresso del consigliere Alessandro Delucis nella lista civica, dopo la mancata nomina nel 2016. Venti i votanti totali, 17 a favore, 3 le astensioni dei consiglieri del Gruppo Misto (Emiliano Martino,Elda Olin e Simona Saccone), non ha partecipato al voto la minoranza.

Prima del nuovo ingresso di Delucis tra la maggioranza, il consigliere Alfredo Remigio della Lega Nord ha preso la parola in merito alla nomina di Levrero.

"Dal 2002 sono consigliere comunale ma è venuta meno una promessa. Mi rivolgo al sindaco e contemporaneamente mi rivolgo alla Lega e ai suoi rappresentanti che sono il partito dove sono stato eletto e i quali mi avevano fatto una promessa. Il responsabile della Lega in Ligure, già assessore regionale e vice ministro con delega ai trasporti Edoardo Rixi, al tempo delle elezioni comunali mi fece la sua 'promessa' di veder riconoscere il mio buon esito elettorale, sia nel partito, sia nell'amministrazione".

"Sono sempre convinto del programma della nostra coalizione vincente di partecipare ad una seconda fase di questo mandato, quella in cui gli investimenti e i progetti presentati possano realizzarsi e mantenere le nostre promesse programmatiche - continua Remigio, fermato durante l'intervento dal presidente del consiglio comunale Renato Giusto per la mancata inerenza della pratica - Questo cambio di rotta deve essere evidente sia nei risultati esterni della nostra attività amministrativa, sia nel far trasparire all'opinione pubblica la reale unione di tutte le persone che compongono questa maggioranza".

 

 

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore