/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 16 ottobre 2018, 16:55

Sfruttamento della prostituzione, violenza, sequestro e rapina: il gestore del bar Barcollo ascoltato dal gip

L'uomo era finito in manette venerdi scorso assieme ai tre fratelli albanesi Bacuku

Sfruttamento della prostituzione, violenza, sequestro e rapina: il gestore del bar Barcollo ascoltato dal gip

Si è tenuto l'interrogatorio di garanzia del barista italiano Alessandro Gallinari, classe 1972, (gestore del bar Barcollo di Albissola Marina), arrestato venerdi scorso assieme ai tre fratelli albanesi Bacuku (Ledjam del ‘90, Gentjan dell’86 e Aleksander dell’83) con le accuse a vario titolo e in concorso di sfruttamento della prostituzione, sequestro di persona e rapina. 

Davanti al gip Fiorenza Giorgi, stando a quanto trapelato, il barista avrebbe ammesso di aver accompagnato la prostituta di nazionalità albanese nell'appartamento in via Gentile ad Albissola, ma solo per fare un favore ad alcuni amici, senza sapere il dopo, ovvero quello che sarebbe successo. 

L'accurata attività di indagine è iniziata nel novembre del 2017. Nella notte tra il 29 e il 30 novembre, una donna, albanese, nata nel 1992, che si prostituiva principalmente a Sanremo, sotto il controllo dei 4 aguzzini, poiché aveva manifestato l’intenzione di non esercitare più, era stata picchiata, segregata e sequestrata in un’abitazione di Albissola Marina dagli stessi. Riuscendo a divincolarsi, si era lanciata o era stata buttata dal terrazzo del terzo piano di un palazzo in via Gentile. Successivamente era stata trasportata, avvolta in un tappeto e con importanti ferite (30 giorni la prognosi, con fratture e tagli di importante entità) presso l'ospedale di Sanremo dove la giovane, impaurita e costretta a fornire quella versione, aveva dichiarato di essere stata aggredita da un cliente sanremese.

Una segnalazione di una cittadina avvenuta quella notte aveva portato i carabinieri a sviluppare l’indagine con analisi dei filmati delle telecamere di videosorveglianza cittadine, intercettazioni telefoniche e servizi di osservazione e pedinamento. Purtroppo nessuna collaborazione da parte della donna che spaventata non ha mai accusato i quattro uomini. Arrivando poi all’arresto nelle prime ore del mattino dei tre fratelli albanesi e successivamente al fermo in aeroporto di Alessandro Gallinari al rientro da un viaggio in Colombia.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium