/ Cronaca

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 17 ottobre 2018, 13:45

È ancora "querelle" tra i cacciatori e i finalesi di San Bernardino

Gli abitanti della frazione: “Non vogliamo rischiare la vita solo per aver fatto una passeggiata sotto casa”

immagine di repertorio

immagine di repertorio

Pochi giorni fa ha destato vivaci polemiche un articolo di Savonanews legato ad alcuni colpi di fucile esplosi all’alba di lunedì a San Bernardino, frazione di Finale Ligure (leggi QUI).

Immediata la replica di molti cacciatori, i quali sottolineano che nella giornata di lunedì è proibita la caccia agli ungulati (come i cinghiali) mentre, per esempio, tutto ciò che concerne la caccia di volatili non presenta divieti. Pertanto non c’è nulla di strano né – men che meno – di illegale, nei colpi sparati di lunedì.

Per una maggiore completezza di informazione, pubblichiamo in allegato il Calendario Venatorio emesso dalla Regione Liguria per la stagione 2017/2018.

Replicano comunque indignati numerosi abitanti della zona. Abbiamo qui raccolto sinteticamente le varie segnalazioni che ci sono giunte in redazione: “In primo luogo le esplosioni che abbiamo sentito a nostro avviso erano troppo forti per essere colpi rivolti agli uccelli. Riteniamo che qualsiasi volatile, se raggiunto da una raffica del genere, ne rimarrebbe polverizzato. In seconda istanza, e questo per noi è ancora più importante, chi non caccia non è tenuto a sapere tutti i giorni nei quali si può sparare alle varie specie. Riteniamo che chi di competenza (che sia la Regione, la provincia, le stesse associazioni di cacciatori o qualsiasi altro ente) dovrebbe mettere cartelli chiari e ben visibili nei quali si avvisa che in determinati giorni possono essere in atto battute di caccia. Non vogliamo rischiare la vita soltanto per essere andati a passeggio nei prati o nei sentieri vicini a dove viviamo tutto l’anno”.

“Infine – concludono gli abitanti di San Bernardino – gli scoppi erano troppo vicini alle case. Riteniamo che esista una regolamentazione in merito anche per questo, ma in ogni caso dovrebbe essere buon senso dei cacciatori non mettere a repentaglio la pubblica incolumità ma anche la pubblica quiete. Non è piacevole sentire queste esplosioni riecheggiare nelle proprie mura domestiche”.

Files:
 Calendario-venatorio-liguria-2017-2018 (448 kB)

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium