/ Val Bormida

Val Bormida | 17 ottobre 2018, 18:53

Approvati gli schemi di convenzione tra Regione e Università di Genova per il finanziamento di 12 posti aggiunti per le scuole di specializzazione mediche

Per l'anno accademico 2017/2018; valore totale di 272.400 euro

Approvati gli schemi di convenzione tra Regione e Università di Genova per il finanziamento di 12 posti aggiunti per le scuole di specializzazione mediche

Sono stati approvati dalla Giunta regionale cinque schemi di Convenzione tra la Regione Liguria e l’Università di Genova per il finanziamento di dodici posti aggiunti per le Scuole di specializzazione mediche per l’anno accademico 2017/2018, per un valore totale di 272.400 euro.

Con la precedente Delibera di Giunta 621/2018 è stato approvato il finanziamento a dodici borse di studio nelle seguenti specialità: medicina emergenza – urgenza (4), ortopedia e traumatologia (3), psichiatria (2), medicina fisica e riabilitativa (2), igiene e medicina preventiva (1).

A seguito dell’approvazione di questa delibera regionale, l’Università di Genova ha trasmesso alla Regione Liguria cinque schemi di Convenzione per il finanziamento di dodici posti aggiuntivi, i quali sono stati ritenuti idonei di approvazione dalla Regione stessa.

I beneficiari di tali borse aggiuntive dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti, ulteriori rispetto a quelli necessari per l’accesso alle borse nazionali:

essere nati in Liguria o essere in possesso della residenza in un Comune ligure da almeno tre anni a decorrere dalla data di scadenza per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso;

essere iscritto presso uno degli Ordini dei medici della Regione Liguria all’atto della firma del contratto di formazione;

non avere già beneficiato di un contratto di formazione specialistica aggiuntivo finanziato dalla Regione Liguria, anche in caso di rinuncia o interruzione della formazione già iniziata.

Inoltre, i beneficiari delle borse dovranno garantire:

l’impegno a prestare la propria attività lavorativa per un periodo di due anni, entro i cinque anni dal conseguimento del diploma di specializzazione, nelle strutture e negli enti del Servizio Sanitario Regionale ovvero presso l’Università degli Studi di Genova;

l’impegno dello specializzando a svolgere la propria attività formativa presso le sedi individuate congiuntamente dalla Regione Liguria e dall’Università di Genova;

l’impegno a conseguire il diploma di specializzazione per il quale si beneficia del contratto. Lo specializzando che risolva anticipatamente il contratto per rinuncia al corso di studi deve versare alla Regione il 70% della spesa complessivamente sostenuta per il contratto aggiuntivo regionale del quale ha beneficiato.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium