/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 18 ottobre 2018, 17:40

Spotorno, le telecamere di videosorveglianza "braccano" il bagnino piromane. Il sindaco Fiorini: "Importante aver migliorato la qualità delle immagini"

Nella giornata di ieri è stato denunciato l'autore di un incendio a Spotorno avvenuto lo scorso 20 luglio

Spotorno, le telecamere di videosorveglianza "braccano" il bagnino piromane. Il sindaco Fiorini: "Importante aver migliorato la qualità delle immagini"

Un importante lavoro in sinergia di collaborazione tra volontari Aib, privati cittadini, polizia locale, amministratori locali e carabinieri. Tutto ciò ha permesso, nella giornata di ieri,  di poter risalire e denunciare il 35enne bagnino piromane autore di un incendio lo scorso 20 settembre a Spotorno, proprio pochi giorni dopo gli episodi che hanno portato all'arresto del 57enne Sergio Merialdo (leggi QUI)

"Mi complimento con tutti gli inquirenti per aver raggiunto e trovato l'autore dell'incendio. La raccolta di elementi utili si è conclusa in pochi giorni ma è stato imponente il successivo lavoro d'indagine, non fa che confortarci il fatto che un altro piromane sia stato fermato dalla giustizia" spiega il sindaco di Spotorno Mattia Fiorini.

L'uomo era stato riconosciuto e rintracciato grazie a due telecamere di sorveglianza, una presente sull'Aurelia e l'altra che ha ripreso il luogo dell'incendio nel preciso momento in cui è stato appiccato: "Questo mix di collaborazione ha fatto sì che la persona venisse riconosciuta. I volontari della protezione civile hanno fatto notare la presenza della telecamera, poi è stato chiesto al proprietario privato di poterla visionare ottenendo le immagini che poi confrontate ed integrate con quelle della videosorveglianza comunale hanno permesso l'identificazione della targa del motorino e quindi il nome del piromane" continua Fiorini.

L'aver ottimizzato  e reso maggiormente fruibili ed efficaci le 42 videocamere di sorveglianza già presenti sul territorio spotornese è motivo di grande soddisfazione per l'amministrazione Fiorini: "Partendo da ciò che era stato il lavoro della precedente amministrazione, ci siamo concentrati sul sistema di trasmissione dati che era carente, la banda Wi-Fi era insoddisfacente e non supportava la risoluzione massima delle immagini perciò aggiungere punti di ripresa avrebbe solo peggiorato ulteriormente le cose. Quindi abbiamo deciso di migliorare la qualità e da dieci mesi a questa parte abbiamo immagini nitide in HD raddoppiando quindi sia la risoluzione delle immagini che la frequenza dei fotogrammi registrati ogni secondo (da 6 siamo passati a 12). A parte le componenti tecniche, la parte importante del lavoro è stata la stretta collaborazione tra enti”.

"Il fatto che ci sia una frequenza anomala di incendi boschivi con uno storico purtroppo importante a Spotorno ha fatto sì che siano stati messi in campo tutti gli strumenti per poter prendere chi commette i reati“.

Vorrei ricordare anche che, senza le efficienti operazioni di spegnimento effettuate dai volontari di AIB e dalle squadre dei Vigili del Fuoco, avremmo avuto conseguenze ben più gravi. Bene quindi aver assicurato alla giustizia due piromani, ma grazie mille anche alle squadre intervenute nello spegnimento” conclude il primo cittadino di Spotorno.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore