/ Loanese

Loanese | 19 ottobre 2018, 18:08

Loano, l'amministrazione Pignocca replica alle minoranze in merito al "pranzo solidale"

"Le affermazioni dei due gruppi di minoranza sono a dir poco sorprendenti"

Loano, l'amministrazione Pignocca replica alle minoranze in merito al "pranzo solidale"

In merito alla nota stampa congiunta diffusa quest'oggi dai due gruppi di minoranza LoaNoi e “Da sempre per Loano/PD”, l'amministrazione comunale di Loano dichiara quanto segue: "Le affermazioni dei due gruppi di minoranza a proposito del “pranzo solidale” sono a dir poco sorprendenti".

"Come i consiglieri certamente ricorderanno, in occasione di una riunione dei capogruppo tenutasi nella seconda metà di settembre scorso, il sindaco Luigi Pignocca ed i due capigruppo di minoranza Paolo Gervasi e Gianni Siccardi hanno iniziato a discutere dell'organizzazione dell'ormai tradizionale pranzo solidale che si tiene nella nostra città e a valutare a quale realtà destinare i fondi raccolti". 

"In quella stessa occasione, il sindaco ha ricevuto mandato di contattare il Comune di Visso per accertare quali potessero essere ancora le esigenze della comunità. In quest'ottica, nella prima settimana di ottobre l'amministazione loanese ha preso contatto con il segretario del sindaco di Visso, che, a stretto giro, ha manifestato la necessità di una piccola auto da destinare a “taxi sanitario”. Questa mattina, poi, il sindaco ha inoltrato ai due capigruppo Gervasi e Siccardi un articolo, apparso quest'oggi su un quotidiano locale, riguardante la campagna “Pasta Pesto Day” presentata ieri a Milano da Regione Liguria e volta a raccogliere fondi a favore della città di Genova". 

"Il sindaco ha invitato, per tremite dell'assessore Remo Zaccaria, i consiglieri Gervasi e Siccardi ad incontrarlo in municipio il 25 ottobre prossimo per raggiungere una scelta definitiva e condivisa circa la manifestazione solidale e la destinazione dei fondi raccolti. L'amministrazione, dunque, non tentenna e non barcolla, né vuole abbandonare il progetto". 

Anzi, l'amministrazione ha lavorato e sta lavorando e auspica di poter condividere questo percorso con i gruppi di minoranza. Per quanto riguarda infine l'invito a “non strumentalizzare mai manifestazioni, iniziative o eventi a scopo sociale/solidale”, preme sottolineare che le precedenti edizioni di “Aggiungi un posto a tavola” si sono svolte per iniziativa e con il fondamentale contributo di diverse associazioni e realtà del territorio e con il semplice coordinamento degli uffici del nostro Comune. Iniziative di questo genere non hanno “maglietta” e l'amministrazione non ha mai avuto desiderio di appuntarsi una medaglia per quanto organizzato e creato da altri".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium