/ Cronaca

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 20 ottobre 2018, 10:00

Ex Mondomarine, fumata bianca per il nuovo concessionario, punto interrogativo sul nome

Il 10 di novembre a Genova verrà votata la delibera e svelato il nome del nuovo concessionario dello stabilimento savonese. Monaco Marine, Palumbo Superyachts e Rodriguez Yachts attendono.

Ex Mondomarine, fumata bianca per il nuovo concessionario, punto interrogativo sul nome

Una commissione fiume dell'Autorità di Sistema Portuale che ha portato probabilmente al nome del nuovo concessionario del cantiere dell'ex stabilimento della nautica Mondomarine di Savona.

Dopo diversi rinvii sembra essere arrivata la fumata bianca ma che non ha portato al fatidico nome in quanto il responso si saprà il 10 novembre dopo una decisione del Comitato Portuale a Genova.

"Ieri con tutte le segreterie sindacali abbiamo incontrato Canavese il quale ci ha spiegato che la commissione ha deciso, tutti i faldoni però sono stati portati a Genova e il 10 di novembre verrà votata la delibera di cui non conosciamo il contenuto - spiega Franco Paparusso, segretario provinciale Uil -  la cosa praticamente certa è che hanno assegnato a qualcuno la concessione. E' importante che finalmente qualcosa sia stato deciso in modo che i lavoratori sappiano cosa sarà del loro futuro".

 

 

Monaco Marine, Palumbo Superyachts e Rodriguez Yachts, una di queste tre aziende quindi si è aggiudicata la concessione dopo i continui tira e molla che hanno portato prima all'entrata di Palumbo temporaneamente nel cantiere poi con la decisione del Tar che si è schierato favorevolmente con l'azienda francese che aveva presentato ricorso in merito all'annullamento dell’atto dell’Autorità di sistema portuale che assegnava in via provvisoria la concessione sulle aree ai liquidatori giudiziali di Mondomarine che però avevano già affittato l’azienda ad un altro soggetto.

In ballo quindi il futuro di 47 lavoratori, 20 attualmente impiegati nel cantiere gestito da Palumbo e 27 dipendenti attualmente senza impiego in aspettativa non retribuita.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium