/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | domenica 21 ottobre 2018, 08:56

Savona, primo evento-conversazione sulle opere d'arte nella nuova sede degli "Amici del San Giacomo"

“Un tesoro da Riscoprire: Splendori del ‘400 nei dipinti del San Giacomo”: l’appuntamento è per il 31 ottobre 2018 alle ore 18 presso la Sala Cappa del Centro Diocesano Pastorale “Città dei Papi” in via Dei Mille 4 a Savona.

Savona, primo evento-conversazione sulle opere d'arte nella nuova sede degli "Amici del San Giacomo"

L’associazione “Amici del San Giacomo di Savona” ONLUS annuncia il primo grande evento culturale presso la nuova sede.

Il complesso conventuale francescano del San Giacomo sorse a partire dal 1470 e solamente dopo la costruzione del ponte a quattro archi voluto da papa Sisto IV la zona fu agevolmente collegata alla città. Oggi viene ricordato il San Giacomo come uno dei più importanti centri artistici e culturali del passato, dotato di una fornitissima biblioteca dove studiò il Chiabrera, include anche l’ex chiesa affrescata negli interni da Ottavio Semino, un esperto pittore del tempo di scuola raffaellita. Il convento nel tempo commissionò molte opere d’arte, che con l’arrivo di Napoleone furono trafugate e trasferite addirittura al Louvre.

A queste preziose opere d’arte del complesso del San Giacomo è dedicata la conversazione “Un tesoro da Riscoprire: Splendori del ‘400 nei dipinti del San Giacomo” di Gianfranco Gervino accompagnato dalla rievocazione di componimenti musicali del Rinascimento eseguiti dal Collegium Musicum Sancti Sebastiani Gameraniensis diretto dal maestro Graziano Interbartolo.

“È un importante evento culturale per la città di Savona, invito tutti i savonesi a prendere parte a questa conversazione per scoprire uno dei tanti tesori da non dimenticare del nostro territorio” - dice Michele Salvatore, presidente dell’associazione” - l’appuntamento è per il 31 ottobre 2018 alle ore 18 presso la Sala Cappa del Centro Diocesano Pastorale “Città dei Papi” in via Dei Mille 4 a Savona.

“È un’occasione per avvicinare i nostri concittadini e soprattutto gli studenti ad uno dei luoghi più importanti e interessanti della storia e dell’arte della nostra città” - dice Gabriele Cordì, vice presidente e studente del Liceo “G. Chiabrera” - e conclude - Oggi Savona e il San Giacomo hanno bisogno di un nuovo Rinascimento, non si tratta di decoro urbano ma questo complesso religioso è parte della bellezza estetica della società e della cultura savonese”.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore