/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 22 ottobre 2018, 10:15

Albenga e Borghetto, servizio straordinario di controllo del territorio: nelle ultime ore ben 7 arresti da parte dei carabinieri

L'impegno degli uomini dell'Arma della compagnia di Albenga continua senza sosta.

Albenga e Borghetto, servizio straordinario di controllo del territorio: nelle ultime ore ben 7 arresti da parte dei carabinieri

Servizio straordinario di controllo del territorio ad Albenga e Borghetto: nelle ultime ore 7 arresti da parte dei carabinieri. È questo il bilancio di nuovi servizi straordinari di controllo del territorio messi in atto dalla compagnia di Albenga nella città delle torri e a Borghetto S. Spirito, attraverso l’esecuzione di numerosi posti di blocco e passando al setaccio le zone maggiormente frequentate da pregiudicati.

L’operazione, nel corso della quale sono state controllate circa 300 persone e 100 veicoli, ha portato all’esecuzione di 7 arresti (due ordini di carcerazione, tre ordini di custodia cautelare in carcere e due in flagranza di reato). In particolare, i carabinieri nucleo radiomobile di Albenga hanno arrestato in distinti controlli avvenuti nel comune ingauno tre cittadini marocchini di 28, 30 e 51 anni che, segnalati più volte all’autorità giudiziaria dalle pattuglie dell’arma per continue violazioni della misura cautelare del divieto di dimora nella provincia, emesse nei loro confronti dal tribunale di Savona, sono stati arrestati su ordine della stessa autorità giudiziaria che ne ha disposto il carcere. I carabinieri hanno così provveduto all’immediata traduzione dei soggetti, ben noti come pusher della zona, presso il carcere di Imperia.  

Questa notte, invece, durante un pattugliamento intensificato nella zona di piazza del Popolo e lungocenta Dante Alighieri sono stati arrestati altri due cittadini marocchini di 38 e 36 anni mentre vendevano cocaina ad un cliente 36enne di Albenga, il quale doveva trovarsi invece in ospedale poichè ricoverato presso il nosocomio ingauno (aveva ancora inserite nel braccio le cannule per la flebo). L’intervento fulmineo della pattuglia non ha permesso ai due spacciatori alcuna reazione se non quella di gettare la droga sotto una macchina: gesto vano poiché lo stupefacente è stato subito recuperato. Sequestrati anche 260 euro, ritenuti guadagno illecito. Gli arrestati sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza e presentati davanti al tribunale di Savona per il rito direttissimo la mattina seguente, il giudice ne ha disposto l’applicazione di misure cautelari: divieto di dimora nella provincia per il primo e obbligo di dimora nel comune di Cisano sul Neva, ove regolarmente risiede, per il secondo. 

Giovedì, i carabinieri della stazione di Borghetto Santo Spirito, durante un posto di blocco disposto nel territorio borghettino, hanno fermato ed arrestato un altro cittadino marocchino 39enne, anch’esso con precedenti per spaccio, colpito da ordine di carcerazione per l’espiazione della pena di 2 anni e 2 mesi per reati di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arrestato è stato condotto al carcere di Imperia dove dovrà scontare la pena inflitta.

Venerdi sempre i carabinieri della stazione di Borghetto Santo Spirito, durante un altro posto di blocco effettuato in quel comune, hanno fermato ed arrestato un pregiudicato di Roma di 69 anni, residente a Toirano, che dovrà scontare la pena della detenzione domiciliare per 4 mesi di reclusione in relazione al reato di violenza e minaccia a pubblico ufficiale commesso a Loano nel corso del 2018. 

Il servizio ha visto inoltre il controllo di 10 esercizi pubblici i cui avventori sono stati identificati. Sono emerse irregolarità su alcuni locali tuttora al vaglio dei militari. L'impegno dei carabinieri della compagnia di Albenga continua senza sosta. 

redazione

"L'Europa che c'è. L'Europa che verrà."

Il dibattito in diretta sul nostro quotidiano. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore