/ Finalese

Finalese | 22 ottobre 2018, 12:00

Finale, un ricco programma di celebrazioni in occasione del Centenario della Grande Guerra

Tra gli eventi previsti, l'incontro "La Grande Guerra del Finale" e la mostra personale di Johnny Hermann presso la Fortezza di Castelfranco (inaugurazione il 3 novembre alle ore 17.00".

Finale, un ricco programma di celebrazioni in occasione del Centenario della Grande Guerra

Sarà un programma ricco quello del Comune di Finale Ligure relativo alle celebrazioni in occasione del Centenario della Grande Guerra previste dal 3 all'11 novembre. Tra gli eventi previsti, l'incontro "La Grande Guerra del Finale" e la mostra personale di Johnny Hermann presso la Fortezza di Castelfranco nelle stesse date, con inaugurazione il 3 novembre alle ore 17.00.

Martedì 30 ottobre ore 11.00 nella Sala Consiglio del Comune avrà luogo una conferenza stampa di presentazione di tutto il programma.

 

DELLA FAME IL CONFORTO.

Mostra personale di Johnny Hermann.

3-11 Novembre 2018 - Fortezza di Castelfranco, Finale Ligure (SV)

Vernissage: Sabato 3 Novembre 2018 ore 17.00

In occasione del ciclo di eventi per celebrare il Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale: “La Grande Guerra del Finale, Tracce Storie Memorie” realizzato in collaborazione con il Comune di Finale Ligure e Archivio Ligure della Scrittura Popolare dell'Università di Genova, sarà inaugurata la mostra personale di Johnny Hermann: “Della fame il conforto”.

Nella suggestiva cornice della Fortezza di Castelfranco a Final Marina, dal 3 Novembre all’11 Novembre 2018, in quelle che furono le celle dei prigionieri Austro-Ungarici, saranno esposte delle installazioni site-specific liberamente ispirate al Ricettario di Arte Culinaria compilato nel 1918 dal Sottotenente Giuseppe Chioni, prigioniero italiano di Cellelager (in località Scheuen, presso la città di Celle, Germania).

Quattro temi principali: l'Attesa, il Pensiero, il Sogno e la Catalogazione, mediante i quali l'artista metterà in luce aspetti legati al cibo, alla fame e ad altri concetti meno consueti nell'analisi del conflitto e saranno eviscerati aspetti reconditi dell'animo dei prigionieri anteponendo la natura umana alla condizione militare. Un’esperienza tanto illusoria quanto concreta, racconta la visione di Johnny Hermann attraverso una serie di installazioni atte a raccontare sensazioni, desideri e ossessioni dei prigionieri.

Il protagonista non è il dramma, bensì una visione onirica comune per fuggire con la mente oltre il filo spinato della prigionia. Un viaggio nelle illusioni dettate prevalentemente dalla scarsità di cibo e dall'interruzione dell'invio di pacchi alimentari che, per volere dello Stato Italiano, dai primi mesi del 1918 rese la permanenza nei Lager ancor più dura di quanto non fosse stata nei precedenti anni.

Un pensiero lucido e colmo di disincanto sulla società di allora, una critica sottile ma affilata sposta il punto di vista da quello di uno Stato tronfio del proprio delirio di onnipotenza ad uno ben più concreto: la mera sopravvivenza. La mostra è dedicata a Romolo Cappelli, giovane soldato Finalese condannato a morte mediante fucilazione dal Tribunale Militare Italiano e successivamente “dimenticato”. Introduzione all’esposizione a cura di Fabio Caffarena Storico dell'Università di Genova. 

Johnny Hermann è l’alterego di Mauro Savoldi. Nato a Milano nel 1977. Diploma e master in interior design conseguiti presso ISAD, istituto superiore di architettura e design. Per alcuni anni si occupa di progettazione di arredamento in stile giapponese. Successivamente si specializza nella realizzazione di plastici architettonici, urbanistici e mock-up, collaborando con i più noti studi di architettura di Milano e con La Galleria del Vento della facoltà di ingegneria del Politecnico di Milano.

Oggi si dedica alla realizzazione di oggetti d'arte e di design prevalentemente in legno, sculture originali e multiple, accessori e soluzioni decorative di interni. Collabora con aziende italiane ed internazionali per lo studio e la realizzazione di concept, edizioni limitate e personalizzazioni. Le sue opere sono pubblicate sulle più importanti riviste di design italiane ed internazionali.

Orari mostra: dal lunedì al venerdì ore 15.30-18.30, sabato e domenica ore 9.30-12 e 15.30-18.30.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium