/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | martedì 23 ottobre 2018, 22:15

La Pegaso System presenta al Comune di Cairo il progetto industriale per il rilancio dell'area di Ferrania

L’azienda ha evidenziato che le tecnologie innovative del futuro impianto produttivo hanno caratteristiche tali da poter essere riconosciute dalle autorità preposte come B.A.T. (Best Available Technology) in campo ambientale

La Pegaso System presenta al Comune di Cairo il progetto industriale per il rilancio dell'area di Ferrania

Nella giornata odierna ha avuto luogo l'incontro tra il Comune di Cairo Montenotte e Pegaso System SRL, in cui l'azienda specializzata nella fornitura di impianti di illuminazione per impianti sportivi e industrie, ha avuto modo di presentare il proprio progetto industriale che intende realizzare nell'area di Ferrania (di circa 20000 metri quadri) e iniziare con il Comune cairese un dialogo propedeutico agli iter autorizzativi.

L’azienda genovese ha evidenziato che le tecnologie innovative del futuro impianto produttivo hanno caratteristiche tali da poter essere riconosciute dalle autorità preposte come B.A.T. (Best Available Technology) in campo ambientale. Stando a quanto riferito, la stessa Pegaso System SRL ha sottolineato che avvierà l’iter autorizzativo nel più breve tempo possibile anche in relazione alle tempistiche legate all’istruttoria del bando Invitalia, evidenziando fin d’ora che una volta ottenute le autorizzazioni entro i dodici mesi successivi, sarà in grado di avviare l’attività produttiva generando un’occupazione di 60 addetti diretti.

BANDO INVITALIA

Il bando nazionale di Invitalia per il rilancio dell'area di crisi industriale complessa del savonese si è chiuso lo scorso 1° ottobre. Sono 15 le domande di finanziamento pervenute per progetti di impresa, con investimenti superiori a 1 milione e mezzo di euro ciascuno, che vedranno l’assunzione di 449 persone sul territorio, per una richiesta di agevolazioni pari a 66 milioni di euro.

Il bando, a valere sulla Legge 181/89, aveva una dotazione finanziaria nazionale di 20 milioni di euro. La fase di istruttoria, che si chiuderà a novembre, determinerà l’ammissibilità dei progetti che porteranno nei 21 Comuni della provincia di Savona (Altare, Bardineto, Bormida, Cairo Montenotte, Calizzano, Carcare, Cengio, Cosseria, Dego, Giusvalla, Mallare, Millesimo, Murialdo, Osiglia, Pallare, Piana Crixia, Plodio, Roccavignale, Vado Ligure, Quiliano, Villanova d'Albenga) investimenti per il rilancio e la rivitalizzazione del sistema economico locale e la riqualificazione de lavoro.

Graziano De Valle

"L'Europa che c'è. L'Europa che verrà."

Il dibattito in diretta sul nostro quotidiano. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore