/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 24 ottobre 2018, 17:10

Approvata la convenzione con la nuova autorità di bacino distrettuale dell'Appennino settentrionale per la continuità dell'operatività delle sedi regionali

L’accordo tiene conto anche della perdurante validità di tutti i piani di bacino dei corsi d'acqua afferenti al Mar Ligure e della necessità di continui aggiornamenti, in base all'acquisizione di eventuali nuovi dati, da applicare con il dovuto tempismo in nuovi interventi di sistemazione idraulica e geologica.

Approvata la convenzione con la nuova autorità di bacino distrettuale dell'Appennino settentrionale per la continuità dell'operatività delle sedi regionali

È stato approvato oggi dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore all'ambiente Giacomo Giampedrone, lo schema di accordo per la convenzione con l'Autorità di Bacino distrettuale Appennino Settentrionale per la gestione ordinaria nel periodo di transizione verso la piena operatività delle nuove autorità distrettuali. L'accordo ha lo scopo di salvaguardare la continuità dei servizi in materia di difesa del suolo, assetto idrogeologico e tutela delle acque e l'operatività della sede di Sarzana (mantenuta su specifica richiesta di Regione) e della nuova sede di Genova, che avrà ruolo baricentrico anche per le istanze provenienti dal Ponente.

L’accordo tiene conto anche della perdurante validità di tutti i piani di bacino dei corsi d'acqua afferenti al Mar Ligure e della necessità di continui aggiornamenti, in base all'acquisizione di eventuali nuovi dati, da applicare con il dovuto tempismo in nuovi interventi di sistemazione idraulica e geologica.

"Fino alla piena costituzione degli organi del nuovo ente e alla completa attuazione delle disposizioni previste dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - ha commentato l'assessore Giampedrone - l'operatività rischiava di essere sospesa o di accumulare ritardi significativi verso i soggetti interessati, soprattutto i comuni, che in via ordinaria hanno la necessità di avere i pareri di competenza da parte dell'Autorità di Bacino entro determinate scadenze. Le sedi regionali concordate nella riorganizzazione rischiavano di rimanere inattive: con la convenzione garantiamo invece la piena operatività territoriale senza la necessità di passare dalla sede centrale della nuova Autorità distrettuale". La convenzione consente, secondo quanto previsto dalla legge regionale 15 del 7 agosto 2018, l'impiego a titolo gratuito di personale regionale per i compiti e le funzioni da svolgere nel periodo transitorio, considerato che è ancora da definire l'assetto delle sedi nella nuova organizzazione anche dal punto di vista dei costi e del personale.

La pianificazione di bacino è stata rinnovata a livello nazionale nel 2006; nel 2016 sono state soppresse le autorità di bacino regionali istituite nel 1989 e sono state istituite le nuove autorità distrettuali che per la Liguria, in particolare, comporta l'inclusione di tutti i bacini regionali nel nuovo Distretto idrografico dell'appennino settentrionale, insieme ai bacini toscani e a quelli interregionali dell'Arno, del Serchio e del Magra.

 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium