/ Eventi

Eventi | giovedì 08 novembre 2018, 09:43

Riparte alla grande nuova "musica in porto" a Vado Ligure

Sabato 10 novembre il primo appuntamento a Vado Ligure VIO, ai Magazzini del Caffè Pacorini, 2 spettacoli, alle ore 18 e 21,15 con AcrossDuo in Pop. Ingresso libero ma necessaria la prenotazione.

Riparte alla grande nuova "musica in porto" a Vado Ligure

Rinasce quest’anno Musica in Porto, la fortunata rassegna concertistica che, interrotta nel 2008, riscosse entusiastici consensi per 5 edizioni.
Il principio ispiratore è quello di unire cultura a impresa, e farlo nel tessuto pulsante dell’economia savonese, il porto.

Vado Ligure ospita sul suo territorio aziende di grande respiro e oggi si ritrova al centro di una riqualificazione industriale, infrastrutturale e urbanistica di grande rilievo internazionale, volta a modificare nel futuro prossimo l’economia del territorio.

La tematica musicale scelta è il Crossover, incontro di generi diversi, mescolanze, contaminazioni musicali, culturali, etniche. La scelta è volta a “copiare” il vivace mondo imprenditoriale, la molteplicità di provenienza delle merci trattate in porto.

Il fulcro per progetto, ora come allora, è rappresentato dai Magazzini del caffè Pacorini, siti presso l’interporto di Vado Ligure VIO. Ed è qui infatti che Sabato 10 novembre si inizia con 2 spettacoli, alle ore 18 e 21,15 e con il grande AcrossDuo in Pop. Ingresso libero ma necessaria la prenotazione.

Gli spazi operativi per lo stoccaggio del caffè verranno rivoluzionati per creare la suggestiva cornice scenica che ospiterà il concerto. Luci, nebbie, sacchi di caffè avvolgeranno il pubblico in una suggestione unica. Già all’ingresso, fuori dai capannoni, gli ospiti saranno accolti in un corridoio “industriale” costruito con containers e reso suggestivo da apposita illuminazione. Un modo diverso, intrigante, per visitare e vivere un luogo di lavoro così importante. Un modo diverso, stimolante, per l’azienda, di farsi conoscere. A conclusione del concerto è previsto un Coffee Corner a cura di Minuto Caffè.

Il secondo appuntamento si svolgerà venerdi 23 novembre alle ore 21 con sede nella costruzione che ospita la S.M.S. Baia dei Pirati, bella struttura scelta simbolicamente come affaccio ai cantieri che stanno costruendo la nuova piattaforma marittima. Uno sguardo sul porto che cambia è il titolo evocativo scelto per questo concerto. Sarà il Mal d’estro trio a creare la giusta atmosfera alla Baia dei pirati. A conclusione del concerto è previsto un rinfresco a cura della S.M.S. Baia dei Pirati.

Il progetto riesce a rinascere grazie alla sensibilità delle aziende sponsorizzatrici, alla Fondazione De Mari e al Comune di Vado Ligure. Indispensabile è il contributo del Ministero delle attività culturali.

Per le prenotazioni di ciascun spettacolo telefonare a 019.824663
Ulteriori info su Facebook

ACROSSDUO: Claudio Gilio, viola; Enrico Pesce, pianoforte

Due uomini sfacciatamente diversi ma anche due musicisti che combaciano alla perfezione e che sfidano la compatibilità caratteriale per produrre musica nuova, piena e coinvolgente. Una proposta di confine, dove la viola passa la parola al pianoforte e viceversa. Un repertorio, riscritto e arrangiato dall’estro di Enrico Pesce, che non sopporterebbe una nota in più né un respiro in meno, perché così com’è, viene interpretato da Claudio Gilio che musicalmente porta altrove, dove tutto nella sua viola suona diversamente. AcrossDuo non è solo musica ma è spettacolo, infatti, durante l’esecuzione dei loro brani viene voglia di applaudire come si fa nel pop, e qualcuno fortunatamente se ne frega dei riferimenti a Bach e lo fa, anche se c’è di mezzo la classica! E’ una formazione di nuova concezione sia per l’aspetto musicale sia per la proposta artistica dove, violista e pianista entrambi di formazione classica, sfociano nel jazz/pop.

Claudio Gilio. Violista di formazione prettamente classica con esperienze crossover maturate frequentando i locali alternativi di NY, i musicisti di strada a Place des Vosges, piuttosto che quelli delle metropolitane delle grandi City, ha anche frequentato e ascoltato con partecipazione i grandi della musica colta. E’ l’unico al mondo a usare il suo strumento al contrario. Non per vezzo ma per un brutto scherzo del destino che durante l’adolescenza, poco prima di diplomarsi al Conservatorio, l’ha voluto incastrare tra ferro, lamiere e asfalto.

Enrico Pesce. E’ un pianista italiano. La sua formazione, che spazia dalla musica medievale (della quale è specialista) alla classica, dal Jazz al Pop, l’ha reso un esecutore molto versatile. Così come ha attraversato il mondo con la sua musica suonando tra gli iceberg della Groenlandia, nelle terre calde dell’Africa, nei moderni Stati Unti, nella più tradizionale Russia e in buona parte d’Europa, Enrico Pesce, allo stesso modo, è riuscito a scavalcare le barriere secolari esistenti tra i diversi generi musicali elaborando una scrittura ed un’esecuzione molto personali.

MAL D’ESTRO TRIO
Un ecletico Trio formato da due polistumentsti e Pianoforte:
Bruno Giordano Saxofoni, Clarinetto
Claudio Massola Clarinetto Basso, Clarinetto, Flauti diriuti, Organetto diatonico
Alessandro Delfino Pianoforte

Claudio, Bruno e Alessandro hanno in comune un percorso musicale che, partendo da una solida preparazione classica, li ha poi visti rapportarsi con diversi generi musicali.

Musica antica, swing, blues, jazz e musica popolare hanno influenzato, anche se in maniera diversa per ciascuno, il loro vissuto musicale.

Insieme hanno formato questo Trio che ha riscosso unanime successo di pubblico e di critica in Italia e all’estro con programmi sempre vari dove non esiste alcuna barriera tra i diversi generi. Caratteristica del gruppo è la capacità di rielaborare e integrare idee e pensieri musicali attraversando con sicurezza epoche e stili diversi.

IP

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore