/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | martedì 13 novembre 2018, 16:54

Meteo, aria fredda in arrivo la prossima settimana: possibili nevicate a quota bassa

Dal sito meteorivieraligure.it: "Le temperature subiranno un rapido e drastico calo, anche di 10-15°C"

Meteo, aria fredda in arrivo la prossima settimana: possibili nevicate a quota bassa

Una intensa ondata di aria fredda proveniente dall'est europeo potrebbe coinvolgere l'Italia a partire dalla prossima settimana, portando le prime nevicate a bassa quota. 

Si legge sul sito www.meteorivieraligure.it: "Le temperature subiranno un rapido e drastico calo, anche di 10-15°C su Piemonte, Lombardia e Triveneto con l'arrivo prematuro della stagione invernale. Si tratterà della prima vera ondata di freddo stagionale per l'Italia! Dopo i 20-22°C che si registreranno al Centro-Nord fino a giovedì, il tempo tenderà rapidamente verso un drastico cambiamento". 

"Il colpo di scena potrebbe invece verificarsi pochi giorni dopo l'entrata della massa d'aria straordinariamente fredda per il periodo. Da lunedì 19 avanzerà dall'oceano Atlantico un centro di bassa pressione che andrà ad interagire con l'aria fredda già presente nei bassi strati. Questo vortice ciclonico si muoverà dapprima verso la Sardegna e poi sul medio-alto Tirreno facendo peggiorare il tempo su gran parte d'Italia". 

"Sul Nord Italia, date le basse temperature e l'intensità delle precipitazioni previste da lunedì 19, potrebbe fare la su comparsa la prima neve di stagione fino a quote molto basse in Piemonte. Nel corso della giornata non è escluso che qualche fiocco possa raggiungere ed imbiancare città del Cuneese e dell'Alessandrino, con fasi di pioggia mista a neve anche Torinese. Ovviamente sorprese nevose sono attese anche in Liguria, specialmente nell'entroterra di Savona e Genova, dove i fiocchi potrebbero scendere fino a quote relativamente basse (anche sui versanti marittimi) - conclude - Solo nei prossimi giorni potremo darvi ulteriori approfondimenti sulle possibili nevicate intense ed i relativi accumuli previsti al suolo".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore