/ Politica

Politica | sabato 17 novembre 2018, 15:04

Albenga, bando per la videosorveglianza. Cangiano replica alla Perrone: "Polemiche inutili e sterili"

"I termini favorivano i Comuni al di sotto dei 20 mila abitanti, nonostante ciò rimaniamo in graduatoria e se il Governo stanzierà altri fondi avremo buone probabilità per ottenere i finanziamenti"

Albenga, bando per la videosorveglianza. Cangiano replica alla Perrone: "Polemiche inutili e sterili"

"Polemiche inutili e sterili quelle sul bando per la videosorveglianza. Se non abbiamo vinto certo il problema non è nel progetto che abbiamo presentato e che la Prefettura ha approvato. I termini del bando favorivano i comuni al di sotto dei 20 mila abitanti, nonostante ciò rimaniamo in graduatoria e se il Governo stanzierà altri fondi avremo buone probabilità per ottenere i finanziamenti" con queste parole il sindaco di Albenga Giorgio Cangiano replica alle accuse formulate dalla consigliera di minoranza Ginetta Perrone.

Continua il primo cittadino: "Capisco che per qualcuno siamo già entrati in campagna elettorale, ma non perdere occasione per fare attacchi, anche immotivati secondo me non è un atteggiamento positivo e che guarda al bene di Albenga , lo si può notare anche volgendo lo sguardo ad altri comuni che con noi hanno partecipato al bando e dove non ci sono state polemiche simili. Credo che poi attaccare personalmente il consigliere Manlio Boscaglia dimostri solo che in realtà sta lavorando bene con la polizia locale".

L'amministrazione Cangiano, inoltre ha sempre fatto molto anche in passato sul tema videosorveglianza e molto si sta cercando di fare sia con la collaborazione dei privati ( che acquistando telecamere le possono allacciare al sistema comunale direttamente collegato con la centrale operativa della polizia locale) sia tentando di partecipare ai bandi relativi a tali progetti.

Afferma Cangiano: "Crediamo molto nella videosorveglianza ed infatti è un tema sul quale abbiamo sempre puntato e già molto abbiamo fatto a tal riguardo. Il bando che non abbiamo vinto premiando i comuni più piccoli ha lasciato fuori realtà come Albenga e Savona città che presentano particolari problematiche e che necessitavano forse ancora di più di questi interventi, ma si è trattata di una scelta e possiamo essere d'accordo o meno, ma che non dipendeva da noi".

Conclude Cangiano: "Con gli uffici, i tecnici e con l'approvazione della prefettura noi abbiamo presentato un progetto assolutamente valido e che, lo ripeto, ci ha permesso di ottenere una buona posizione in graduatoria sperando che vengano stanziati altri finanziamenti". 

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore