/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 20 novembre 2018, 15:24

Piaggio Aerospace al Mise: il parere dei sindaci del Ponente

Un incontro con "luci e ombre": nessuna proposta concreta a breve termine ma l'impegno del ministero c'è

Piaggio Aerospace al Mise: il parere dei sindaci del Ponente

La “classica fumata grigia”, questo l’esito dell’incontro per Piaggio al Mise. Sebbene si voglia mantenere un clima positivo, dato anche dal fatto che quello di oggi era fondamentalmente il primo contatto ufficiale con il nuovo Governo da parte dei sindacati per Piaggio, in realtà quello che ne è emerso sono state solo promesse e buoni propositi mentre è mancata un po’ quella concretezza e quei tempi certi (anche e soprattutto sulla commessa da 700 milioni di euro).

Per quanto riguarda il quadro generale, le posizioni espresse dai tre sindaci del Ponente Savonese presenti all’incontro sono unanimi nell'apprezzare  l'impegno del ministero, pur senza proposte concrete sul breve termine.

Afferma il sindaco di Albenga Giorgio Cangiano: “L’incontro è stato tutto sommato positivo, ma a questo punto è fondamentale che a dicembre (ndr. quando verrà convocato un nuovo tavolo) ci sia più concretezza. Il Governo ha manifestato l’intenzione di proseguire nel cercare soluzioni certe per questa azienda e questo è senza dubbio positivo, ma forse si poteva arrivare all’incontro di oggi con proposte concrete, e con risposte più chiare da dare a noi, ma soprattutto ai tanti lavoratori che erano presenti. Noi eravamo presenti per essere vicini ai lavoratori sia quelli di Piaggio che di Laerh e crediamo che sia fondamentale trovare una soluzione nel più breve tempo possibile, è già passato troppo tempo, ora non si può più aspettare”.

Un po’ di malumore tra i presenti anche per l’assenza del Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e del ministro Di Maio, ma la speranza è quella che a dicembre si possano avere risposte concrete.

È invece del tutto positiva l’impressione del sindaco di Villanova d’Albenga Pietro Balestra che afferma: “Nell’incontro di oggi ho ribadito sostanzialmente quello che abbiamo già detto in numerosi incontri portando le istanze del territorio. Secondo me poteva andare molto peggio, invece ho notato un atteggiamento positivo da parte del Governo. Certo non ci sono state soluzioni concrete, ma contiamo, e ci è stato detto, che queste verranno date a inizio dicembre nel prossimo tavolo che verrà convocato e nel quale sia il Governo che la Proprietà speriamo possano parlare di soluzioni a lungo termine per questa azienda così importante non solo per il nostro territorio, ma per tutto il Paese. Piaggio ha al suo interno professionalità e tecnologie che ci permetterebbero di sederci ai tavoli mondiali in questo settore. Il drone piaggio è una eccellenza e credo che il Governo sia consapevole di questo e che si voglia agire in maniera concreta per questa azienda”.

Conclude il sindaco di Finale Ligure Ugo Frascherelli, una presenza che dimostra l’attaccamento ancora forte della città verso un’azienda che ha rappresentato il simbolo dell’industria finalese per oltre un secolo: “Direi che sia andato tutto abbastanza bene, seppur di risposte concrete non ne abbiamo ricevute, ma c’è l’impegno ad affrontare la questione. Erano presenti il viceministro e il capo di gabinetto di Di Maio, entrambi esponenti del M5S, in rappresentanza dei massimi vertici del dicastero. Il governo riconosce l’importanza strategica di Piaggio Aerospace, soprattutto in un territorio che da anni sta soffrendo sul piano industriale. Prevedo che ci sarà un altro incontro a breve”.

Mara Cacace, Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium