/ Albenganese

Albenganese | 20 novembre 2018, 14:16

Vertenza Piaggio, questa mattina l'incontro al Mise. I sindacati: "Da qui parte il dialogo con il nuovo governo"

Oltre alle rappresentanze sindacati sono intervenuti alla seduta numerosi sindaci e parlamentari del territorio

Vertenza Piaggio, questa mattina l'incontro al Mise. I sindacati: "Da qui parte il dialogo con il nuovo governo"

Si è svolto questa mattina l’atteso incontro al Mise nel quale si è discussa la vertenza Piaggio, in particolare dopo le recenti notizie nelle quali si parlava di una possibile liquidazione dell’azienda.

Il territorio si è mosso ed alcuni dei primi cittadini hanno preso parte all’incontro, tra questi Giorgio Cangiano sindaco di Albenga, Pietro Balestra di Villanova, Ugo Frascherelli di Finale Ligure. Erano inoltre presenti: l’assessore regionale Andrea Benveduti, i parlamentari Vito Vattuone, Franco Vazio e Paolo Ripamonti, il viceministro Davide Crippa e il vice capo di Gabinetto Giorgio Girgis Sorial.

Spiega Paola Boetto RSU CGIL: “Questo è stato il primo incontro e da qui possiamo dire che inizia il dialogo con il nuovo Governo. Ci sono stati molti interventi ed abbiamo ripresentato la situazione di Piaggio sottolineando l’importanza di questa azienda. Devo dire che abbiamo potuto riscontrare un altissimo interesse da parte del Governo.”

Un primo risultato positivo pare essere stato raggiunto: il pericolo di liquidazione è scongiurato?

"Diciamo che attualmente questo pericolo è “congelato” - ha dichiarato a tal proposito Paola Boetto - Il Governo si è assunto la responsabilità di interloquire da vicino con l’azienda, si tratta di trattative ad altissimi livelli, ma l’intenzione è quella di trovare soluzioni a lungo termine per Piaggio anche se non si è voluto anticipare in particolare quali potrebbero essere”.

Forse una compartecipazione del Governo nella proprietà? Ancora non vi sono soluzioni certe, ma si pensa anche all’imminente futuro e alla commessa milionaria della quale si era parlato.

In particolare si parla di 700 milioni che dovevano arrivare dal Governo per dare una ventata d’aria fresca all’azienda:“Si tratterebbe comunque – spiega la Boetto – di una soluzione a breve termine che sicuramente verrà discussa nelle prossime commissioni e nei prossimi incontri, ma la cosa positiva è che si vuole guardare al futuro e ad una soluzione a lungo termine per questa azienda così importante e che deve avere un assetto solido”.

L’appuntamento per un prossimo incontro al ministero è per i primi di dicembre: “Abbiamo invitato i rappresentati del Governo a visitare la Piaggio per rendersi conto da vicino di questa realtà, dell’investimento che è stato fatto per questa e delle altissime professionalità presenti. Ci hanno garantito che verremo riconvocati a breve per altri aggiornamenti. Domani faremo assemblea con i lavoratori per informarli di questi sviluppi - ha infine concluso la RSU CGIL - ma direi che come primo passo, quello di oggi, sia stato positivo per aprire ad un dialogo futuro”.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium