/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | 14 dicembre 2018, 12:10

Asl2, assunzioni e ricambio dovuto al turnover: 240 assunti nel 2018, 104 per il 2019

Annunciata l’introduzione del reparto comunità all’ospedale San Paolo, in futuro arriverà anche al Santa Corona.

Asl2, assunzioni e ricambio dovuto al turnover: 240 assunti nel 2018, 104 per il 2019

Nuove assunzioni e ricambio dovuto al turnover: questo il tema al centro dell’organizzazione dell’Asl 2 savonese per il 2018 e inizio 2019.

Le risorse umane sono il capitale di una azienda, nella mission della Asl c’è la valorizzazione delle risorse” ha spiegato la direttrice amministrativa Antonella Valeri che ha fornito tutti i dati alla presenza del direttore generale Eugenio Porfido, del neo direttore sanitario Carlo Airoldi e di Roberto Carrozzino

Nel 2018 oltre ad essere state effettuate 10 procedure concorsuali (bandi, avvisi) che hanno visto impegnato sia il settore sanitario che amministrativo sono state assunte 240 persone su 245 pensionati, garantendo così il turnover, 79 per quanto riguarda la dirigenza medica e 160 persone nel comparto: sono entrati in servizio quindi 8 medici al pronto soccorso, 3 in cardiologia, 3 radiologi, 4 ortopedici, 2 in chirurgia generale, 9 pediatri, 1 per chirurgia toracica e 6 anestesisti.

Entro fine gennaio 2019 104 persone entro fine gennaio copriranno le code e sono di completamento alle uscite dei medici in pensione: 40 Oss, 37 medici, 2 biologi, uno psicologo del lavoro (unico in Liguria), 4 infermieri, un assistente sociale, 3 educatori professionali, un collaboratore tecnico professionale (ingegnere gestionale) e 13 videoterminalisti provenienti prevalentemente dalle categorie protette.

È fondamentale la risorsa umana, vogliamo che arrivino altri professionisti e ci sono carenze in alcuni settori, ne abbiamo bisogno, l’impatto è stato particolarmente importante. Bisogna ricoprire i posti che sono coperti da facenti funzione, entro fine gennaio vogliamo completare l’assetto organizzativo” continua il neo direttore sanitario, subentrato da poco più di un mese, il dottor Carlo Airoldi.

Durante l’incontro è stato illustrato una novità che a breve sarà presente all’ospedale San Paolo di Savona e in futuro anche al Santa Corona di Pietra Ligure, il reparto di comunità. Cioè uno spazio all’interno del nosocomio savonese, gestito da personale infermieristico, dove saranno presenti una ventina di letti per il pernottamento o per alcune giornate, nel quale potranno stazionare pazienti dimessi dall’ospedale che devono però continuare il loro percorso o pazienti che arrivano dal territorio e devono fare esami o terapie. Il medico di base fa la richiesta e gli stessi non passano dal pronto soccorso.

Abbiamo concluso la formazione del personale che andrà a costituire il reparto di comunità, che ha come obiettivo immediato ridurre gli accessi al pronto soccorso e liberare il letto occupato da un paziente che non necessita di completare il proprio iter in reparto. A lungo termine serve per evitare i reingressi e per chi ha un aggravamento della patologia perché hanno sbagliato a usare la terapia come doveva essere utilizzata” dice il direttore generale Eugenio Porfido.

Abbiamo trasmesso la delibera all’ISS, si aspetta la delibera regionale perché si tratta di una sperimentazione, l’iter si svolgerà a gennaio, con apertura prima dell’estate. l’idea è già partita dall’Ospedale Galliera di Genova che però accompagna solo alla dimissione” conclude Porfido.

Si tratta di una buona notizia per la Asl2. Grazie ad un lavoro complesso e nonostante la difficoltà nel reperire le diverse professionalità necessarie si va a rafforzare l’organico ad ogni livello, non solo medico ma anche assistenziale - dice l’assessore regionale alla sanità Sonia Viale -Questa bella notizia si aggiunge a quella che vede l’aggiudicazione provvisoria dei due ospedali di Albenga e Cairo: dal momento che questi due presidi diventeranno autosufficienti dal punto di vista del personale. La prospettiva nel complesso è quella di risolvere i problemi di organico del Santa Corona e del San Paolo, mantenendo elevati i livelli di occupazione del sistema sanitario”.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium