/ Savona

Savona | 04 gennaio 2019, 17:00

Savona, gli studenti della biblioteca Barrili si oppongono al dimezzamento dell'orario: "Non ci stiamo, non si taglia la cultura"

Una raccolta firme e una petizione online le prime iniziative messe in atto dagli studenti che questa mattina si sono riuniti per trovare soluzioni alternative da proporre all'assessore Rodino

Savona, gli studenti della biblioteca Barrili si oppongono al dimezzamento dell'orario: "Non ci stiamo, non si taglia la cultura"

Un no secco al taglio degli orari della biblioteca civica Barrili di Monturbano a Savona. Questa la presa di posizione degli studenti liceali e universitari che si sono riuniti questa mattina nel cortile di fronte alla biblioteca per decidere quale posizione tenere e soluzioni alternative da proporre all'assessore alla cultura Doriana Rodino in vista dell'incontro organizzato per il prossimo 8 gennaio alle 13.30.

Intanto una raccolta firma cartacea e una petizione online su Change.org (https://www.change.org/p/ilaria-caprioglio-e-doriana-rodino-petizione-biblioteca-monturbano?recruiter=false&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=psf_combo_share_initial.pacific_email_copy_en_us_3.control.pacific_email_copy_en_gb_4.v1.pacific_email_copy_en_us_5.v1.pacific_post_sap_share_gmail_abi.gmail_abi.lightning_2primary_share_options_more.control&utm_term=psf_combo_share_initial.pacific_email_copy_en_us_3.control.pacific_email_copy_en_gb_4.v1.pacific_email_copy_en_us_5.v1.pacific_post_sap_share_gmail_abi.gmail_abi.lightning_2primary_share_options_more.fake_control&fbclid=IwAR0IFnIA3t5cLAqJMMYGK0xQpSCoTXiqw9hnhTapoG8woqqtjDTOtG3Spkg) oltre alla creazione di una pagina Facebook informativa "Petizione Biblioteca Monturbano", hanno dato il via a una rivolta che si oppone alla decisione del comune, a causa della mancanza di personale, di cancellare l'orario del lunedì annunciato agli studenti con un foglio affisso il 29 dicembre con il via con il nuovo anno. Modificati anche gli ulteriori orari: il martedì, giovedì e sabato invece rimarrà aperta dalle 9 fino alle 13.45 e il mercoledì e venerdì continuato dalle 9 alle 17.45.

Diverse le proposte messe al centro questa mattina, a partire dal dimezzamento di due giorni infrasettimanali a favore dei restanti 4 giorni con apertura per tutta la giornata (con l'orario precedente), con il possibile spostamento in altre sedi, come la biblioteca del Campus (chiusa però ad agosto), il Priamar (aperto solo a agosto e a inizio settembre), Lavagnola e la Sala Rossa del Comune, bocciate al momento per questioni di spazio, il problema del pranzo per il costo della mensa, i trasporti, l'assenza di segnale Wi-Fi e riscaldamento.

Lanciata anche l'ipotesi di coinvolgere le scuole professionali che utilizzano lo strumento dell'alternanza scuola-lavoro. "Gli studenti - dice un universitario che studia alla Barrili - sono obbligati a fare un determinato numero di ore potrebbero svolgere il tirocinio nella biblioteca per coprire i buchi, nel caso verrebbero seguiti dai dipendenti che potrebbero essere divisi in più giorni".

"Chiederemo appoggio agli studenti dei vari licei - spiega Erika Pepe, rappresentante degli studenti del Barrili insieme a Noemy Destito, Roberta Ferraro e Giulia Noghera - creeremo comunque un comitato e andremo avanti nelle sedi adeguate, non accetteremo compromessi che ci sono già stati comunicati. Vogliamo uno spazio che ci contenga tutti, con riscaldamento, internet e non distante, gli orari degli altri comuni sono persino migliori di Savona, non è accettabile".

"Il campus è aperto anche agli studenti delle superiori naturalmente, ci fa piacere - spiega il prorettore del campus universitario di Savona Federico Delfino che ha chiamato durante l'incontro i giovani - lo spazio è purtroppo limitato ma possiamo verificare se ci sono zone alternative. Vogliamo dare una mano agli studenti, vanno aiutati".

 

 

 

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium