/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 08 gennaio 2019, 13:24

Elezioni provinciali 2019: mossa spiazzante di Sara Badano, candidata nel centrodestra

La presidente del consiglio comunale di Finale: "Devo dire grazie a Nicola Viassolo, che ha proposto il mio nome ragionando sulle persone e le idee, non sugli schieramenti"

Elezioni provinciali 2019: mossa spiazzante di Sara Badano, candidata nel centrodestra

In occasione della sua fuoriuscita dalla maggioranza, Sara Badano, presidente del consiglio comunale di Finale Ligure, aveva dichiarato a Savonanews: “La mia storia è di sinistra e il mio bacino di voti proviene dal PD” (leggi intervista completa QUI).

Alla presentazione delle liste per le prossime elezioni provinciali, troviamo il nome di Sara Badano, ma non dove ce lo saremmo aspettato: non è infatti accanto a nomi del PD conosciuti in provincia come Barbara Pasquali, Massimo Niero o Sonia Garofalo, e non si è nemmeno spostata ulteriormente a sinistra per avvicinarsi allo schieramento che comprende, ad esempio, l’alassino Jan Casella. Infatti Sara Badano è nella lista di centrodestra.

Alla telefonata di Savonanews, sorride e domanda scherzosamente: “Che c’è? Noti forse qualche anomalia?”

Effettivamente sì. Recentemente avevi rivendicato la tua appartenenza alla sinistra. Come mai questa decisione?

“Come tutti sanno, la lista per le prossime provinciali doveva essere unica e condivisa. E il mio nome è stato promosso da Nicola Viassolo, persona alla quale sono legata da rapporti di reciproca stima, fiducia e amicizia. Ma a prescindere dal dialogo personale che possiamo avere maturato durante questa amministrazione, Nicola è sempre molto lungimirante nel dare spazio ai giovani che, a prescindere dallo schieramento, hanno idee e voglia di fare politica. Poi, come tutti sanno, l’accordo trasversale è saltato. Ma mi è stato detto che, al di là di qualsiasi logica di bandiere e colori, io ero la benvenuta. E in quel momento ho capito che si poteva portare avanti un discorso basato soltanto sulle idee, le persone, le proposte e la fiducia reciproca, senza attaccarsi a logiche partitiche”.

La lista si chiama “Cambiamo la provincia”, proprio come quella che ha visto eleggere come consigliere provinciale Sergio Colombo, lo stesso Sergio Colombo che tu stessa hai descritto come mentore e talent scout nella tua esperienza politica. Garantirai una continuità con il suo operato?

“Certamente. Anche quando è stato eletto Colombo era più vicino a Melgrati che a Vaccarezza, ma ha accettato la proposta in nome di un progetto condiviso e basato sulle persone e sulle idee. E io da questo punto di vista sarò lieta di raccoglierne il testimone”.

Tutto ciò potrebbe essere la premessa per una tua candidatura anche alle prossime comunali finalesi?

“Questo è ancora prematuro. Non escludo che ci saranno incontri e confronti tra me e le varie forze in campo, ma questa pagina è ancora tutta da scrivere. Ne riparleremo più avanti”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium