/ Albenganese

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Albenganese | 09 gennaio 2019, 13:12

Problemi all’impianto di riscaldamento nelle scuole di Vadino d’Albenga, il consigliere Arnaldi: "Entro domani tutto a regime"

La segnalazione da parte di alcune famiglie che lamentavano aule fredde per gli studenti negli ultimi giorni. Precisa Arnaldi: “Già oggi il primo piano era riscaldato. Entro domani sarà completato l’intervento”.

Problemi all’impianto di riscaldamento nelle scuole di Vadino d’Albenga, il consigliere Arnaldi: "Entro domani tutto a regime"

Scuole fredde a Vadino d’Albenga e gli alunni delle elementare e gli studenti dell’Agrario rimangono al freddo per giorni al rientro dalle festività natalizie.

Il guasto all’impianto si è verificato in prossimità delle vacanze di Natale e, questo, certo non è stato positivo ed ha generato non poche difficoltà anche solo nel reperire i pezzi di cambio oltre che ad eseguire i lavori.

I bambini delle elementari hanno fatto ritorno ai banchi con un giorno di ritardo, ma anche nei giorni successivi si sono dovuti adattare svolgendo attività in spazi comuni nelle uniche aree non “toccate” dal guasto.

Ancora stamattina la situazione era difficile a scuola e in parte irrisolta.

Il consigliere Ciangherotti ha denunciato la situazione (LEGGI QUI), ma il conigliere Arnaldi, chiamato in causa risponde: “Il guasto che si è verificato è stato particolarmente complesso. L’impianto è vetusto e, scavando, si è dovuto, passo dopo passo, allargare il cantiere per cercare di risalire ad una parte integra della tubazione. Da questa mattina, però, l’impianto di riscaldamento è stato riattivato al primo piano permettendo alle elementari e a parte dell’agrario di avere una struttura riscaldata. Entro domani il guasto sarà riparato completamente e tutto tornerà alla normalità”.

“La situazione è stata particolarmente difficile, ma abbiamo trovato grande disponibilità da parte della scuola, ma anche da parte delle famiglie e della ditta che sta gestendo l’intervento. Purtroppo sarebbe necessario poter mettere mano agli impianti di riscaldamento non in situazioni di emergenza, ma in maniera programmatica e sistematica. Così verrà fatto dalla ditta che, lo ricordiamo ha preso l’incarico solo recentemente e che necessita di qualche tempo per mettersi a regime”.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium