/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 10 gennaio 2019, 11:24

“Suo nipote ha avuto un incidente, deve pagare per evitare l’arresto”: truffatori in azione in Provincia di Savona

I Carabinieri raccomandano la massima attenzione e chiedono di contattare il 112 se dovessero presentarsi episodi simili.

“Suo nipote ha avuto un incidente, deve pagare per evitare l’arresto”: truffatori in azione in Provincia di Savona

Truffatori in azione in provincia di Savona già 2 colpi portati a termine, uno ad Albenga e l’altro a Pietra Ligure e 2 sventati grazie alle potenziali vittime che, non sono cadute nel tranello ed hanno allertato immediatamente il 112.

Del caso Savonanews.it si era già occupato qualche giorno fa (LEGGI QUI) diffondendo la segnalazione e allertando i cittadini della presenza di truffatori in azione.

In questi giorni, però, i malviventi sono riusciti a portare a segno due colpi ed alti due (i casi denunciati, ma probabilmente ce ne sono stati anche di più) sono stati tentati.

Il modus operandi sempre lo stesso: l’anziano di turno riceve una telefonata sul numero fisso di un uomo che, spacciandosi per maresciallo dei carabinieri informa che un parente stretto ha avuto un incidente e che, per non dover procedere al suo arresto è necessario pagare una somma di denaro.

Per essere ancor più credibile, il primo truffatore preannuncia una seconda telefonata da parte di un avvocato.

Dopo pochi istanti dalla prima telefonata ecco, infatti, che l’anziano viene contattato da una seconda persona, un presunto avvocato, in realtà, naturalmente, un secondo truffatore complice del primo che fissa un appuntamento in casa della vittima.

A quel punto, presentandosi a casa, il finto avvocato chiede il denaro necessario ad evitare l’arresto del parente per poi dileguarsi.

I carabinieri, naturalmente avvertono le persone anziane di prestare la massima cautela e di non fidarsi, ma di chiamare prontamente il 112 in caso di qualunque dubbio ed invitano anche i figli, i nipoti e gli amici delle possibili vittime di avvisarle del possibile pericolo.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium