/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | venerdì 11 gennaio 2019, 11:57

Albissola Marina, presto i lavori pubblici per scuola media cofinanziati da Regione e Miur

In totale i progetti comunali di ristrutturazione, di miglioramento energetico e di messa in sicurezza del fabbricato della scuola media ottengono contributi sia dalla Regione che dal Ministero Complessivamente pari a circa 234 mila euro. I relativi cantieri apriranno in tarda primavera appena terminato l’anno scolastico

Albissola Marina, presto i lavori pubblici per scuola media cofinanziati da Regione e Miur

Le appena trascorse festività natalizie hanno portato buone notizie all’Assessorato ai Lavori Pubblici, infatti è arrivata comunicazione dalla Regione Liguria che il nostro progetto di adeguamento e messa in sicurezza dei controsoffitti dei locali sottotetto dell’edificio della Scuola Media “Fabrizio de Andrè” di via Gentile, è stato inserito nella gradutoria regionale utile all’ottenimento di un contributo pari a euro 50 mila sui circa 70 mila euro complessivi necessari per realizzare l’intervento.

L’ottenimento di questo contributo regionale per l’adeguamento e messa in sicurezza degli edifici  scolastici, ci permette di provvedere al completo rifacimento dei vecchi controsoffitti di tutti i locali posti ai piani del sottotetto e costituiti da parti lignee, cannicciati intrecciati e vecchi intonaci a base di calce sospesi alla struttura portante in legno del già vetusto tetto mediante le seguenti lavorazioni:

-  Rimozione di tutti i corpi illuminanti sospesi al soffitto di tutti i locali ai piani del sottotetto

-   Demolizione completa dei controsoffitti e di ogni quota parte in legno

-  Realizzazione di nuovi controsoffitti modulari avanti caratteristica di resistenza al fuoco

-   Fornitura e posa in opera di nuovi corpi illuminanti di tutti i locali oggetto dell’intervento.

Come sopra accennato il progetto predisposto dai tecnici del Servizio Lavori Pubblici ha previsto un investimento complessivo di circa euro 70 mila che sarà così ripartito: 20 mila a carico del Comune e 50 mila invece provenienti dal contributo regionale.

Ma per il vecchio edificio risalente al 1890 e dagli anni ’70 ospitante la Scuola Media (oggi Scuola Secondaria di I^ Grado), le buone notizie sul fronte degli investimenti per il miglioramento energetico, l’adeguamento e messa in sicurezza non finiscono qui, infatti a questo ultimo contributo regionale di 50 mila euro, si va ad aggiungere un ulteriore contributo questa volta  del Ministero della Istruzione, dell’Università e Ricerca (MIUR) per gli interventi di edilizia scolastica pari a 184.500,00 euro (centottantaquattromila e cinquecento), per l’attuazione del progetto comunale di Rifacimento della centrale termica attraverso la fornitura e messa in opera di 2 nuove caldaie a condensazione comprensivo delle opere di adeguamento e ristrutturazione per il relativo locale caldaie ed il Rifacimento della copertura del tetto dell’edificio scolastico in argomento.

Il progetto predisposto dai tecnici comunali con l’ausilio anche di professionisti esterni e suddiviso in due lotti (lotto 1 rifacimento centrale termica e lotto 2 rifacimento coperuta tetto), prevede un investimento complessivo pari a circa 290 mila euro così ripartiti: 184.500 euro coperti dal contributo Ministeriale e i restanti 105.500 con fondi propri del bilancio comunale.

Per le sopra descritte opere si sono già svolte le distinte procedure telematiche di gara per l’individuazione delle ditte appaltatrici dei lavori.

Il Servizio Lavori Pubblici ha pertanto provveduto ad accorpare in un unico Programma organico di lavori per il miglioramento energetico, l’ adeguamento e la messa in sicurezza dell’edificio scolastico della Scuola Secondaria di I^ Grado “Fabizio de Andrè” , contenente tutte le opere oggetto di contributo regionale e ministeriale sopra descritte, prevedendo l’avvio delle lavorazioni entro la tarda primavera prossima ventura e la relativa fine lavori entro il termine delle prossime vacanze estive, anche al fine di economizzare e razionalizzare tutti i vari interventi di manutenzione straordinaria oltre che a ridurre il più possibile i disagi al personale scolastico e agli studenti.

Insomma in totale per l’anno 2019 l’investimento complessivo per le manutenzioni straordinarie dell’edificio della Scuola Media di Via Gentile, ammonta a 360 mila euro ( di cui 234.500 euro coperti con contributi regionale e ministeriale e 125.500 con copertura attraverso fondi propri comunali) a cui vanno ulteriormente aggiunti alcuni altri inteventi “minori” in fase di programmazione e/o avvio nelle prossime settimane e che brevemente riguardano:

-         Lavori di Allestimento di un Punto Cottura per preparare in loco i primi piatti per la refezione scolastica, investimento previsto euro 5.600

-         Lavori di Installazione di Nuovo Impianto di Allarme, investimento pari a euro 4.000

-         Lavori di manutenzione all’impianto elettrico, pari ad impegno di spesa di euro 1.300     

E’ una progettazione organica che, tassello dopo tassello, tenedo conto della capacità di spesa del Comune, va concretizzandosi e che permetterà di migliorare la sicurezza e vivibilità del vecchio edificio scolastico di Via Gentile, in attesa della realizzazione del nuovo Polo Scolastico, allo scopo di concentrare in un’unica struttura moderna, funzionale e strutturalmente sicura, l’asilo nido, la scuola per l’infanzia e le scuole elementari e medie.                                         

Il 2019 sarà infatti anche l’anno utile per lasciare in eredità, alla prossima nuova Giunta comunale che uscirà dalle elezioni amministrative di primavera, un iter amministrativo del progetto del nuovo Plesso Scolastico in uno stadio di definizione il più avanzato possibile.                                       

Intanto il relativo progetto di fattibilità tecnica-economica è già stato inserito dalla Regione Liguria nel proprio Piano Triennale Scolastico ottenendo così uno spazio nella relativa graduatoria per un sostanzioso contributo pari a 2 milioni di euro sui 7 necessari per la sua costruzione.

L’inserimento del progetto “preliminare” nel Piano Triennale Regionale è importante ma rappresenta solo il primo passo, molta altra strada resta da percorrere affinchè la prossima nuova Amministrazione  comunale possa avere nel corso del proprio mandato, l’opportunità di definire l’intera operazione.         

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore