/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 23 gennaio 2019, 07:24

Scatta l'allerta meteo per neve. Iniziano a cadere i primi fiocchi nel savonese (VIDEO)

Perché nevichi in riva al mare devono coincidere lungo tutta la colonna d’aria le giuste combinazioni di umidità e temperatura

Scatta l'allerta meteo per neve. Iniziano a cadere i primi fiocchi nel savonese (VIDEO)

E’ scattata alle 6 l’allerta gialla per neve sulle zone A, B (costa e interno), D ed E e si segnalano le prime precipitazioni soprattutto sulla parte centrale della regione. Nevischio o neve debole si segnala nella zona appenninica alle spalle di Genova, nella zona della Valle Stura e in generale a cavallo tra le province di Savona e Genova (il nivometro di Urbe segnala 2 centimetri in 30 minuti mentre, le altre precipitazioni sono piovose (4.4 millimetri a Lerca).

Inizia a nevicare anche nel Levante savonese e nel capoluogo di provincia. Fiocchi anche in città, ma attualmente non si registrano disagi. I primi fiocchi di neve anche in Val Bormida ed in particolare a Cairo.

I venti settentrionali sono, per il momento, deboli o localmente moderati, il mare alla boa di Capo Mele, poco mosso con temperatura dell’acqua di 14.4 gradi.

Le temperature sono in diminuzione: -8.5 a Pratomollo (Genova), -8.2 a Poggio Fearza (Imperia), -6.4 a Colle Belenda, -6.1 a Sassello (Savona) sono i valori più bassi mentre, nello spezzino, Casoni di Suvero segna -4.5.

Qualche altro valore minimo: Triora (Imperia) -2.5, Cairo Montenotte (Savona) -4.5, Busalla (Genova) -4.1 mentre, a Genova città, alle 7.15, oltre al valore sottozero di Monte Pennello, si va dagli 0.0 di Fiorino ai 4.1 di Sant’Ilario.

Queste le minime nelle stazioni di riferimento delle città capoluogo di provincia: Genova Centro Funzionale 4.4, Savona Istituto Nautico 4.1, Imperia Osservatorio Meteo Sismico 5.7 e La Spezia 3.0.

Vista la situazione è consigliabile seguire gli aggiornamenti mattutini.

NEVICHERA' ANCHE SULLA COSTA?

Perché nevichi in riva al mare devono coincidere lungo tutta la colonna d’aria le giuste combinazioni di umidità e temperatura: bastano variazioni anche solo di mezzo grado per trasformare pioggia in neve, e viceversa.

Molteplici i fattori da tenere in considerazione in questo scenario meteorologico invernale:

• la prevista convergenza di venti settentrionali sul centro ponente ligure, e da est-sud est a levante, decisivi nel causare differenti effetti al suolo (10 centimetri di neve non hanno lo stesso impatto, soprattutto in costa, di 10 millimetri di pioggia);

• l’ingresso di venti da nord accompagneranno la discesa dello zero termico fino al suolo nell’entroterra del centro-ponente, e in serata potranno soffiare a 80-100 km/h; 

• la formazione di un importante minimo depressionario nel Mediterraneo, che influenzerà lo scenario meteorologico fino a tutto giovedì; 

• il diffuso disagio per freddo e gelate nell’entroterra, ma non il gelicidio (perché la colonna d’aria è fredda in tutta la sua altezza);

• la possibilità che si verifichino improvvisi rovesci nevosi, capaci localmente di dare cumulate significative in poco tempo.

Ricordiamo che, per la neve, i colori dell’allerta sono determinati dalla previsione di accumuli al suolo, dalla differenza fra comune costiero o dell’interno, e dalla presenza o meno di infrastrutture sensibili. 

PREVISIONI:

OGGI.  mercoledì 23 gennaio: Tempo perturbato e deciso calo dello zero termico. Nelle notte deboli spolverate nell'interno senza accumuli significativi. Dalla mattinata e per la giornata si attendono deboli nevicate alla quota del suolo su DE e nell'interno di AB; spolverate nevose sulle zone costiere di AB con quota neve intorno ai 200-300 metri in locale calo al suolo. Spolverate nevose nell'interno di C (quota neve 400-600 metri). Possibili rovesci nevosi. Venti forti da Nord; in serata fino a burrasca, raffiche fino a 80-100 km/h. Moderato disagio per freddo. Gelate.

DOMANI, giovedì 24 gennaio: Nelle prime ore della notte deboli nevicate residue su D e nelle zone interne di B; possibili spolverate su E. Venti settentrionali di burrasca (60-70 km/h) con raffiche che sui crinali e allo sbocco delle valli potranno superare i 100 km/h. Moderato disagio per freddo nelle ore notturne. Possibili gelate. Mare molto mosso, agitato al largo.

La Sala Operativa Regionale resterà aperta per tutta la durata dell’allerta.
In caso di eventi intensi, durante l’allerta sarà pubblicato il monitoraggio sul sito www.allertaliguria.gov.it, inviato anche tramite twitter (segui @ARPAL_rischiome).

Sulla pagina www.facebook.com\ArpaLiguria post con immagini, grafici e dati

Ricordiamo infine la suddivisione complessiva in zone del territorio regionale:

A: Lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa; 

B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno; 

C: Lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Valfontanabuona e Valle Sturla; 

D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida; 

E: Valle Scrivia, Val d'Aveto e Val Trebbia.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium