/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | 26 gennaio 2019, 06:30

Un weekend di appuntamenti all'insegna della "Giornata della Memoria" in provincia di Savona

Ma anche la benedizione degli animali di Pietra, la festa di San Sebastiano a Celle, il lancio dello stoccafisso a Varazze... E arrivano anche i primi eventi dedicati al carnevale

Un weekend di appuntamenti all'insegna della "Giornata della Memoria" in provincia di Savona

Si celebra il 27 gennaio il Giorno della Memoria per ricordare le vittime della Shoah. Sono passati 74 anni dal giorno in cui vennero abbattuti i cancelli di Auschwitz e il mondo venne a conoscenza dell’orrore della follia nazista.

L’Italia ha formalmente istituito la giornata commemorativa con la Legge n. 211 del 20 luglio 2000, con la quale ricorda le vittime dell’Olocausto, delle leggi razziali e coloro che hanno messo a rischio la propria vita per proteggere i perseguitati ebrei, nonché tutti i deportati militari e politici italiani nella Germania nazista. Si è stabilito di celebrare il Giorno della Memoria ogni 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Ecco tutti gli eventi dedicati nella provincia di Savona:

Savona: Domenica 27 gennaio, alle ore 18:00, cerimonia in piazza Mameli a Savona con la deposizione di una corona d’alloro in memoria delle vittime della deportazione nazi-fascista, alla presenza delle autorità civili e militari.

Martedì 29 gennaio, invece, si terrà un incontro organizzato dall’Anpi provinciale presso la Sala Sibilla del Priamar con inizio alle ore 10 e 30: Politiche della memoria e didattica della Shoah in Italia; 10 parole per ricordare la Shoah; Odio, violenza e offesa alla vita. La Babele linguistica del lager; Ilse Weber e Inge Auerbacher: due storie, due destini, questi i titoli delle relazioni, con la partecipazione di studenti e insegnanti.

Museo d'Arte di Palazzo Gavotti. Questo Museo, in occasione della Giornata della Memoria, ritiene doveroso segnalare opere del proprio patrimonio riferibili alla Shoah perché di autori colpiti dalle leggi razziali o perseguitati politicamente oppure messi al bando perché storicamente appartenenti a uno dei movimenti artistici qualificati dal nazismo come Arte Degenerata (Dadaismo, Espressionismo, Fauvismo, Impressionismo, Astrattismo e Surrealismo). Nell'ambito del percorso museale della Pinacoteca Civica, è stata selezionata e messa in evidenza con una apposita scheda esplicativa, un'importantissima opera della Collezione Milena Milani in memoria di Carlo Cardazzo: La Confidence Capitale di René Magritte, uno dei principali intepreti del Surrealismo. Il dipinto conservato a Savona è una delle tre opere di Magritte presenti nei musei italiani: le altre due sono entrambe conservate alla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Realizzata fra il 1927 e il 1928, La Confidence Capitale costituisce un documento molto significativo dell'avvicinamento di Magritte al Surrealismo e testimonia di uno dei periodi di più intensa e fertile creatività del suo percorso artistico. L'artista rappresenta la realtà per mostrarne il mistero indefinibile e inizialmente si serve dell'accostamento di elementi diversi e della metamorfosi della materia per sovvertire l’ordine naturale delle cose e amplificare la sorpresa suscitata dai suoi quadri. La confidence capitale è infatti elencata fra le opere di Magritte caratterizzate dalla ricorrente presenza di elementi in legno o di venature lignee; nel nostro dipinto compare inoltre la figura femminile, qui identificabile con la moglie Georgette, imprigionata fra un muro di pietre e una tavola in legno.

Albenga: In occasione della Giornata della Memoria, la Fondazione Gian Maria Oddi, in collaborazione con il Comune di Albenga e l'Istituto Storico della Resistenza dell'Età Contemporanea, organizza sabato 26 gennaio alle ore 9:30 all'Auditorium San Carlo, un incontro sul tema "Nel ricordo della Shoah ragioniamo sul razzismo, subdola tentazione di ieri e di oggi". Relatrice la prof. Maria Teresa Ferrando, presidente I.S.R.E.C. di Savona. Coordinamento a cura del prof. Riccardo Badino, direttore della Fondazione Gian Maria Oddi. La conferenza sarà corredata da proiezione di parti tratte dal film "Una volta nella vita". La Giornata della Memoria richiama all’attenzione di tutti cittadini l’immane tragedia rappresentata dalla Shoah, lo sterminio di 6 milioni di Ebrei: uomini, donne, bambini consumato nei lager nazisti.

All’origine di tale genocidio, l’idea perversa di una divisione della specie umana in razze gerarchicamente ordinate in base alla forza, alle qualità intellettuali, alla bellezza e ad altri criteri di selezione e discriminazione, arbitrariamente stabiliti dagli appartenenti alla razza più potente quella ariana, bianca, considerata quella perfetta. Il razzismo ha radici antiche, soprattutto l’antisemitismo. Nel secolo XX, però, oltre alla persecuzione degli Israeliti, si è manifestato anche nella segregazione in Sudafrica, nella discriminazione dei neri negli Stati Uniti e, sempre durante il Nazismo, con la deportazione e lo sterminio di zingari, omosessuali, Testimoni di Geova.

Albissola Marina: Anche quest’anno il Comune di Albissola Marina, in collaborazione con numerose associazioni attive sul territorio e con la Scuola, organizza la Celebrazione della Giornata della Memoria. È proprio la Scuola il campo in cui più forte è stato l’impegno e dove ci attendiamo momenti intensi. A cominciare da Lunedì 21 Gennaio quando le classi 3e della Scuola Secondaria di primo grado assisteranno, presso il MuDA Centro Esposizioni, al recital “Non so dove sia – Cercando Irène Nemirowsky” a cura dell’Associazione Culturale “Allegro con moto”, di e con Ferdinando Molteni e la narrazione di Elena Buttiero & Piera Raineri al pianoforte a quattro mani. La vicenda Luglio 1942. Irène Némirowsky, popolare scrittrice francese di origine russa, scompare dalla sua casa. Viene arrestata e deportata ad Auschwitz. Il marito Michel Epstein comincia una disperata ricerca della sua sposa. Non saprà mai dove è finita Irène. Morirà anche lui nello stesso campo di concentramento, pochi mesi dopo. Il recital racconta la storia di una scomparsa e di come la persecuzione degli ebrei fu anche una vicenda di vite svanite nel nulla. Completano lo spettacolo le musiche dal vivo eseguite dal duo pianistico a quattro mani. I brani presentati sono originali per questa formazione e scritti dalle compositrici francesi Mel Bonis, Cécile Chaminade e Marie Jaëll, tutte contemporanee di Irène Némirowsky. Saranno poi gli stessi ragazzi a presentare il loro Video: “Binario 21”, realizzato dopo la visita di Novembre al “Memoriale della Shoah” di Milano.  Anche i bambini delle classi 5e della Scuola Primaria, Lunedì 4 febbraio, presso la Sala Papa Francesco, proporranno letture e riflessioni sull’Olocausto. Il momento istituzionale, alla presenza delle varie rappresentanze e della cittadinanza, si terrà invece Venerdì 25 Gennaio alle ore 10.00 in P.zza Poggi, presso il monumento “Bambina di Terezin” di Angelo Ruga, simbolo stesso della giornata della memoria.

Borghetto Santo Spirito: in occasione della Giornata della Memoria il Comune di Borghetto S. Spirito ha organizzato una cerimonia”, che si svolgerà domenica 27 gennaio, alle ore 10,00, presso il Monumento ai Caduti di Piazza Fermi. Aprirà la cerimonia il Sindaco Giancarlo Canepa. A seguire la Biblioteca Civica proporrà la lettura di alcuni brani di “Se questo è un uomo” di Primo Levi. Al termine, un lancio di colombe, simbolo di pace, ricorderà l’importanza della convivenza civile dei popoli, del rispetto della Persona e dei diritti di tutti. In caso di maltempo la cerimonia si svolgerà presso la sala conferenze di Palazzo E. Pietracaprina, in Piazza Libertà. Invitando la Cittadinanza a partecipare, ricordo che presso la Biblioteca Civica è allestito per tutto il mese di gennaio “Lo Spazio della Memoria”, con testi ed albi sulle tragiche tematiche della Shoah e delle leggi razziali, disponibili per la consultazione ed il prestito.

Si svolgerà domenica 27 gennaio a Borghetto Santo Spirito la "grande Sfilata delle Maschere Italiane". Questo evento, ideato e organizzato dal Forum Culturale di Borghetto Santo Spirito, segnerà ufficialmente l'apertura degli eventi carnevaleschi curati dall'associazione borghettina. Alla parata interverranno 300 maschere storiche provenienti da diverse regioni italiane che accompagneranno le tre nuove maschere di Borghetto, la Principessa Perseghina, U Ciantacoi e U Cillu. Questi tre figuranti si rifanno ad aspetti importanti della storia e delle tradizioni borghettine: la Principessa Perseghina, infatti, è un omaggio all'altissimo livello qualitativo delle pesche di Borghetto, con alcune varietà, come la "Dantin" e la "Pesca Michelini" esportate in tutta l'Italia. U Ciantacoi (il piantatore di cavoli) ricorda l'importante tradizione agricola del vasto territorio alle spalle del centro cittadino. U Cillu, infine, si basa su un personaggio realmente esistito nella prima metà del Novecento e ancora oggi ricordato dagli anziani del paese come "agricoltore arguto e spiritoso, bravo ballerino e implacabile seduttore delle prime turiste straniere che visitavano la cittadina". Ecco il programma dettagliato della giornata: - Ore 10 piazza Fermi, celebrazione della Giornata della Memoria - Ore 10,30 sfilata per le vie del centro storico di Borghetto - Ore 11,30 piazza Libertà, presentazione delle Maschere Italiane - Ore 14,30 piazza Libertà consegna delle chiavi della città da parte del sindaco a U Cillu e partenza in sfilata verso Loano. Gli altri appuntamenti della stagione carnevalesca borghettina si svolgeranno il 3 febbraio alle 15 in piazza della Madonna della Guardia con il "Carnevalissimo dei bambini", sabato 9 febbraio, sempre alle 15, con la visita agli ospiti della residenza "Humanitas" e il gran finale di martedì 5 marzo alle 21:30, nel Salone delle Feste, con il "Gran Ballo in Maschera".

Cairo Montenotte: A Cairo Montenotte invece, lunedì 28 gennaio l’amministrazione comunale, in collaborazione con l’ANED e l’ANPI, celebrerà il "Giorno della Memoria", alle ore 16, in piazza della Vittoria. Presso la “Panchina della Memoria”, gli alunni e gli studenti dell’Istituto Comprensivo e dell’Istituto d’Istruzione Superiore "Patetta" di Cairo e del Liceo Statale “Calasanzio” di Carcare di Cairo, leggeranno brani scelti, accompagnati da musiche.

Calizzano: Come oramai da tradizione, la comunità di Calizzano ricorda la "Notte di Valujki". La commemorazione si terrà nella giornata di sabato 26 gennaio. Questo il programma: ore 17.30 passaggio di consegna del Cappello Alpino ritrovato da parte delle guardie del consorzio dei funghi al Gruppo Alpini Calizzano; dalle 17.30 alle 18 ammassamento presso il complesso "La Ciminiera"; ore 18.30 Santa messa nella chiesa parrocchiale di San Lorenzo; ore 19.30 onori al monumento ai Caduti. Gli alpini sul tratto (si spera) innevato e illuminato da fiaccole si recheranno al Monumento Alpino; lettura dei nominativi degli alpini di Calizzano caduti e dispersi. Deposizione omaggio floreale; ammaina bandiera. All'evento sarà presente la corale "Montagne Verdi" e il corpo bandistico "Alta Val Tanaro".

Celle Ligure: Dopo il grande successo degli scorsi anni, torna domenica 27 gennaio la sesta edizione della Festa di San Sebastiano, che coinvolgerà la suggestiva zona di ponente del centro storico, fra piazza Costa e piazza San Sebastiano. La manifestazione è organizzata dall’Associazione Çele Nautica e dal Consorzio Promotur, in collaborazione con gli esercizi commerciali della zona, la Banda Musicale G. & L. Mordeglia, l’Associazione Volontari Protezione Civile Tonino Mordeglia, l’ASD Centro Atletica Celle e con il patrocinio del Comune di Celle Ligure. Sarà l’occasione per scoprire qualcosa sulla storia di Celle, in quel rione infatti sorgeva la chiesetta di San Sebastiano, costruita nel XVI secolo come atto votivo in onore del Santo e fortemente voluta dalla popolazione scampata alla peste, che affliggeva la Liguria in quel periodo. Nel 1931, per l’esecuzione di opere pubbliche, la chiesetta purtroppo fu demolita. A partire dalle ore 10 il lungomare Colombo si animerà con stand e banchi colorati, che ospiteranno oggetti artigianali, frutto dell’ingegno e dell’abilità di mani sapienti: si potranno ammirare ed acquistare prodotti realizzati in paste sintetiche o con materiali di riciclo, oggetti in legno e ceramica, accessori in pelle, stoffa e lana, lavori ai ferri o all’uncinetto, bijoux, senza dimenticare il cucito creativo, il découpage e il cartonaggio, insomma mille prodotti nati esclusivamente dalla passione per il lavoro manuale e dall’amore per l’artigianato! Il mercatino si concluderà con una postazione di giochi gonfiabili per la gioia di tutti i bimbi. Il clou della manifestazione sarà al pomeriggio: alle ore 14.30 l’appuntamento è presso il Municipio, per la partenza della sfilata della Banda Musicale G. & L. Mordeglia, che si concluderà in piazza San Sebastiano. Alle ore 15 un momento religioso, con il suono della campana originale, ora conservata nella Parrocchia di San Michele e portata sul posto per l’occasione e la lettura della preghiera dei Vigili Urbani. Sempre alle 15, sulla spiaggia di San Bastian, Gioca l’Atletica, percorso ludico-motorio, in compagnia del Centro Atletica Celle, aperto a tutti i bambini. Al termine della preghiera, a partire dalle ore 15.30, l’Associazione Çele Nautica distribuirà squisite frittelle e per tutto il pomeriggio si potranno degustare specialità gastronomiche, preparate da bar e ristoranti della zona. Alle ore 16.30 comincerà la proiezione di immagini di Celle Ligure, a cura di Marco Ferrando e Fiorenzo Rosa.

Finale Ligure: Domenica 27 gennaio, presso la chiesa di Sant'Antonio Abate al Monte di Finalpia (facente capo alla parrocchia di N. S. Assunta e di San Giacomo) si celebrerà la festa del Santo Patrono, un evento molto sentito e amato da tutti i parrocchiani. Alle ore 15 si svolgerà la Santa Messa con il tradizionale rituale della benedizione dei panini, mentre al termine si svolgerà la benedizione degli animali. Dopo il rito religioso si avrà un momento di amicizia e di convivialità, con un piccolo spuntino tutti insieme a base di prodotti locali. Per tutti coloro che fossero interessati a partecipare, ricordiamo che il Comune di Finale Ligure mette a disposizione dalle 14:00 alle 17:30 un servizio navetta con autobus in partenza dalla piazza della chiesa di Finalpia.

Loano: A Loano è ormai tutto pronto per la 28^ edizione del CarnevaLöa, la grande manifestazione carnevalesca organizzata dall'associazione Vecchia Loano con il contributo dell'assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano. L'apertura della manifestazione si terrà domenica 27 gennaio in piazza Italia con la consueta cerimonia della “consegna delle chiavi” da parte del sindaco di Loano, Luigi Pignocca, al Beciancin (maschera ufficiale del Carnevaloa) e alle altre maschere Capitan Fracassa (maschera ligure della Commedia dell'Arte), Puè Pepin (il Re del Carnevale) e la Principessa Doria del Castello (la cui interprete è stata eletta la scorsa estate durante il concorso di Miss Riviera delle Palme, organizzato sempre da Vecchia Loano). Alla cerimonia partecipano numerose maschere provenienti, oltre che dalla Liguria, anche da Piemonte, Lombardia ed Emilia. Alle 14.30 le delegazioni si ritroveranno in piazza della Libertà a Borghetto Santo Spirito e si dirigeranno in corteo verso la piazza del municipio di Loano. Alle 15.30 si terrà la cerimonia di consegna delle chiavi e la presentazione delle maschere ospiti, cui seguirà la tradizionale sfilata nel centro storico. Il giorno 28 gennaio dalle ore 10 il prof Giorgio Guido Fodor intratterrà per il secondo anno consecutivo gli allievi del Falcone. Docente di Economia prima presso l'Università di Milano, poi presso la prestigiosa Università degli studi di Trento dove collabora all’organizzazione del Festival dell’Economia, il prof. Fodor è esperto di aspetti economici e istituzionali del processo di integrazione economica europea e di analisi delle soluzioni giuridiche ed economiche per la crisi globale. Per il Centro di Alti Studi Umanistici di Trento si è concentrato sul ruolo della CEE/UE nell’assistenza allo sviluppo, con una particolare attenzione alla storia degli anni Settanta del Novecento. La referente del progetto, prof.ssa Cristina Pitto, spiega che l'esimio docente nel suo intervento "Minoranze e persecuzioni" presenterà la realtà sociale ed economica degli anni Trenta e Quaranta del Novecento in Italia e in Liguria, con attenzione alla questione ebraica e alla condizioni di stranieri e apolidi nel periodo dell'emanazione delle leggi razziali in Italia, con un taglio personale e alla luce vivida dei ricordi famigliari, ma intervenendo anche su eventi più recenti, con puntuali confronti. Commenta il dirigente scolastico Ivana Mandraccia: "Il professor Fodor è persona di profonda cultura e al contempo di grande umanità. E’ un onore poterlo nuovamente ospitare per la Giornata della Memoria. Sono certa che i nostri allievi ne trarranno una magistrale lezione di vita vissuta nel segno dell’impegno e della passione per la conoscenza".

Pietra Ligure: Torna a Pietra Ligure l'appuntamento con la festa della benedizione degli animali. Domenica 27 gennaio alle ore 15.00, in piazza San Nicolò, verrà infatti effettuata la benedizione dopodiché, alle 15.30, seguirà una passeggiata con gli asini per le vie del centro storico. Prevista anche un'area coccole, dove sarà possibile avvicinare gli amici a quattro zampe. L'organizzazione dell'evento è a cura dell'Asd Asinolla in collaborazione con il Comune di Pietra Ligure, l'associazione "Facciamo Centro" e la Parrocchia Basilica San Nicolò di Bari in Pietra Ligure.

Vado Ligure: "Sabato pomeriggio 26 gennaio 2019 l'Associazione degli ex deportati di Savona organizza la Cerimonia del Giorno della Memoria in ricordo delle vittime dello sterminio del popolo ebraico e della deportazione politica e militare nei lager nazisti e della liberazione del campo di Auschwitz Birkenau, la giornata istituzionale ha il patrocinio del Comune di Vado Ligure, della Provincia di Savona, dell'Istituto Storico della Resistenza di Savona" commenta Simone Falco, ANED Savona. Questo il programma: ore 15 deposizione di una corona di alloro lapide dei deportati in via Sabazia; ore 15,30 deposizione al monumento ai deportati in Villa Groppallo; ore 16 cerimonia presso Aula Magna delle scuole medie in via 1 Maggio.

Varazze: Lunedì 28 gennaio 2019 alle ore 21 presso il Teatro Don Bosco di Varazze, il Sindaco, l’Assessore alla Cultura e il Consigliere alla Pubblica Istruzione presentano Gian Piero Alloisio in "Ragazze Coraggio", teatro-canzone per raccontare con linguaggi nuovi il Giorno della Memoria e la Resistenza. Con la partecipazione di Edoardo Chiesa, Tieniviva Gospel Voices, Gruppo PalcoscenicoDanza Varazze di Giovanna Badano. Special Guest Emanuele Dabbono. Canzoni di Gian Piero Alloisio, Fabrizio De André, Giorgio Gaber, Francesco Guccini. Ragazze Coraggio - La storia dopo “Aria di libertà”, storia di un ragazzino-partigiano, e “Luigi è stanco”, storia di una famiglia ribelle, Gian Piero Alloisio completa la sua trilogia dedicata alla Resistenza con “Ragazze coraggio”.

Il ruolo delle donne che hanno partecipato alla Lotta di Liberazione per molto tempo è stato sminuito in favore dell’immagine del partigiano-guerriero, e quindi maschio. Infatti lo stereotipo femminile dell’immediato dopoguerra, che vedeva la donna intenta a occuparsi della casa e dei figli, di fatto la escludeva dalla vita politica e civile. Nello spettacolo di Alloisio, il ritratto di tre donne partigiane smentisce questa immagine proseguendo il filo rosso che lega i tre copioni musicali e teatrali: parlare della Resistenza fra Liguria e Piemonte, parlarne raccontando storie in cui anche le nuove generazioni possano identificarsi, parlarne rivendicando l’appartenenza a una famiglia partigiana sia per parte di padre che per parte di madre. Il primo ritratto è quello di Fidia “Donata” Lucarini, partigiana della brigata “Felicita Alice Noli”, unica formazione tutta femminile. La storia di “Donata” si conclude con la notizia della morte del fatello nel campo di sterminio di Dachau. Il secondo ritratto è quello di Pierina “Milly” Ferrari, la staffetta partigiana di Tagliolo Monferrato che fu la testimone chiave di come andarono davvero le cose durante il famoso e terribile rastrellamento della Benedicta, avvenuto nell’aprile del 1944. Il terzo e ultimo ritratto è quello di Adriana “Vittoria” Colla, partigiana della Val di Susa, protagonista di un’azione memorabile: la liberazione di tre partigiani alle Molinette. Adriana Vittoria Colla ha poi svolto un ruolo determinante all’interno dell’ANPI provinciale di Savona. "Abbiamo scelto – spiega il Sindaco di Varazze avv. Alessandro Bozzano – per il secondo anno consecutivo di affidare a Gian Piero Alloisio il racconto della Giornata della Memoria: le sue parole e la sua musica riescono a veicolare il messaggio che tutti noi sappiamo essere molto importante, attraverso un linguaggio e una metodologia che coinvolge lo spettatore di ogni età. Siamo contro il “dover fare”, siamo per il “come fare” e il teatro-canzone con semplicità ma estrema accuratezza riporta il senso di questa giornata sul piano dell’appartenenza, evitando di lasciare anche lo spettatore più giovane e quindi lontano dagli avvenimenti raccontati in uno stadio di “alterità”. In particolare, infatti, a chiusura anche di un percorso di riflessione che speriamo vivamente sia apprezzato da tutti, quest’anno Alloisio ci presenta il ritratto di tre donne che rappresentano tutte coloro che hanno subito deportazione, torture, atti criminali e incivili… donne che sono state uccise solo per il fatto di essere tali, donne che hanno dimostrato coraggio e hanno lottato per proteggere chi più di loro soffriva un’incredibile tragedia umana”. Nella seconda parte della serata il contributo delle realtà artistiche varazzine e le canzoni di Fabrizio De André con Edoardo Chiesa (Il Suonatore Jones), Gruppo PalcoscenicoDanza Varazze di Giovanna Badano (Smisurata preghiera), TieniViva Gospel Voices (Spiritual). Il cantautore Emanuele Dabbono è l’ospite speciale della serata.Al termine della serata verranno effettuati i “Bombardamenti Intelligentissimi” con gli Aeroplanini preparati dagli studenti dell’Istituto Comprensivo Nelson Mandela di Varazze. La mattina alle 11, lo spettacolo “Ragazze Coraggio” sarà realizzato per gli studenti dell’Istituto Comprensivo Nelson Mandela di Varazze. Ringraziamo per la consueta disponibilità la Filodrammatica Don Bosco. Per la Giornata della Memoria, è stato pubblicato il videoclip di “Tieni Duro”, dall’album “Resistenza Pop”.

Il Lancio dello stoccafisso è una manifestazione molto attesa a Cantalupo, frazione alle spalle di Varazze. A gennaio, tra le viuzze del paese decine di concorrenti si sfidano in una competizione che decreterà un vincitore, colui che percorrerà le vie della frazione in minor tempo e con il minor numero di lanci di stoccafisso. Lo stoccafisso da lanciare pesa circa un chilo, il campo di gara è lungo seicento metri partendo dalla piazza principale di Cantalupo. Il “lancio” avverrà domenica 27 Gennaio 2019. Alla competizione è legata la sagra gastronomica di sabato e domenica e naturalmente anche qui lo stoccafisso è protagonista. Piatti gustosi preparati da mani sapienti potranno essere mangiati in compagnia. La Sagra e lancio dello stoccafisso è un appuntamento che vi farà trascorrere una bella giornata tra divertimento e gusto. Ritrovo e iscrizioni presso la sede della Società, dalle ore 10.30 alle 12 e dalle 14 alle 16.30. (telefono 019/97202) In caso di avverse condizioni meteo la sola “Gara del lancio dello stoccafisso” sarà rinviata alla domenica successiva

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium