/ Al direttore

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Al direttore | 31 gennaio 2019, 10:28

Lettera al direttore: "Imprese liguri nel 2018. Savona si conferma in negativo, le chiusure superano le aperture"

Il commento di Franco Astengo

Lettera al direttore: "Imprese liguri nel 2018. Savona si conferma in negativo, le chiusure superano le aperture"

Unioncamere presenta i dati riguardanti l’andamento delle imprese liguri nel 2018. Nonostante una flessione delle iscrizioni, il saldo resta ancora positivo. La Spezia e Imperia registrano il trend migliore. Savona si conferma come la sola provincia in flessione dal punto di vista dell’attivo/passivo nella creazione e nella dismissione di imprese.

Appare ripetitivo e probabilmente inutile rammentare come la situazione savonese: si sottolinea, se mai ce ne fosse bisogno il persistere di una bassa qualità della maggioranza delle imprese presenti nel tessuto economico almeno dal punto di vista produttivo e di figure portatrici di innovazione, Savona  esaurita la fase del flop della dichiarazione di area di crisi complessa e persistendo le difficoltà di Piaggio e Bombardier avrebbe necessità di L’elaborazione di un piano straordinario per il lavoro incentrato sull’idea della reindustrializzazione delle aree nevralgiche della nostra provincia.

Questi i dati di Unioncamere:

Il 2018 si chiude ancora in attivo per le imprese liguri: le iscrizioni di nuove attività economiche, pur se in contrazione del 2,9%, superano le chiusure di imprese esistenti, anch’esse in flessione del 2,1%, determinando un saldo positivo di 92 imprese.

Le Camere di Commercio liguri hanno ricevuto 8.866 domande di iscrizione d’impresa (268 in meno rispetto al 2017) a fronte di 8.774 richieste di cancellazione (191 in meno). Queste due dinamiche hanno prodotto un tasso di natalità e mortalità pari al 5,4% e un tasso di crescita dello 0,3% (era 0,2% nel 2017), in linea con quello nazionale (0,5%). 

E’ doveroso specificare che il bilancio imprenditoriale, in termini assoluti, risulta attivo solo per 14 delle 20 regioni italiane e che, in termini relativi, migliorano la propria performance rispetto al 2017 soltanto Liguria, Trentino, Abruzzo e Molise. Certamente questo dato ci conforta ma solo in parte, in quanto tutto il sistema Paese risulta indebolito e bisognoso di sostegno per affrontare e superare questo periodo particolarmente incerto e riattivare la crescita occupazionale.

Lo stock delle imprese è leggermente aumentato (+135 unità), attestandosi  a fine dicembre a 163.084 unità, mentre le imprese attive risultano in calo di 136 unità scendendo a 136.553. 

A livello provinciale è La Spezia a “crescere” di più (tasso di sviluppo pari all’1,13%), con 1.332 iscrizioni a fronte di 1.120 cessazioni e con un saldo positivo pari a 212 imprese; segue Imperia con 1.457 aperture e 1.348 chiusure (saldo pari a +109 imprese e tasso di crescita allo 0,43%). Genova con 4.376 iscrizioni e 4.406 cessazioni chiude il 2018 con una perdita di 30 imprese ma un tasso di sviluppo ancora positivo (+0,15%) e infine Savona registra  1.701 aperture e 1.900 chiusure, con un saldo negativo pari a 199 unità e un tasso di crescita del -0,19%.

Lettera firmata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium