/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | 10 febbraio 2019, 10:11

Filler alle labbra, sorriso e giovinezza (quali gli effetti sull’estetica?)

Ciò che viene ricercato è apparire più sexy e, soprattutto, più giovani. Ma l’effetto è davvero quello desiderato?

Filler alle labbra, sorriso e giovinezza (quali gli effetti sull’estetica?)

Cari lettori di Savona News, uno degli interventi di “ritocco estetico” più richiesti dalle “signore” è il filler alle labbra (cioè il rendere le labbra più turgide inserendo all’interno dei “riempitivi”). Ciò che viene ricercato è apparire più sexy e, soprattutto, più giovani. Ma l’effetto è davvero quello desiderato?

Se esaminiamo “tecnicamente” il sorriso dobbiamo tenere conto di numerosi elementi che lo caratterizzano:

  • Una componente dentale, composta, a sua volta, da forma, dimensione posizione e colore dei denti
  • Una componente “esterna” costituita da labbra e tessuti periorali

Cosa succede agendo su questi fattori? Alcuni elementi lavorano sinergicamente in positivo, altri “remano contro”: ad esempio le rughe periorali, con piccole iniezioni di acido ialuronico, si riducono, quindi “l’effetto ringiovanente” è confermato. Le iniezioni di tossina botulinica agiscono, invece, inibendo la motilità dei muscoli mimici. L’effetto è di ridurre le rughe di espressione, ma anche, a mio avviso, di rendere i volti meno naturali. Esaminiamo ora l’argomento contenuto nel titolo:

Il filler alle labbra le rende più evidenti, ma anche meno mobili e soprattutto più “coprenti” i denti. Quest’ultimo è un effetto decisamente negativo: la giovinezza del sorriso è rappresentata da denti frontali ben evidenti (almeno 2/3 della lunghezza della corona dovrebbero essere visibili), dal loro colore chiaro (ma non “bianco stoviglia” come si usa in America…), dalla dominanza degli incisivi centrali, dalla convessità verso il basso della linea che collega i loro margini (che deve seguire quella del labbro inferiore quando si sorride). Quindi cosa fare per avere un sorriso “giovane”?

  • Innanzitutto “evitare le forzature”: se un viso ha dei lineamenti delicati, un piccolo incremento del volume delle labbra può anche risultare positivo, ma andare a stravolgere i propri lineamenti, facendosi gonfiare come dei canotti, difficilmente farà un bell’effetto.
  • Evitare i “danni collaterali”: se per avere qualche rughetta di meno ci si ritrova un volto inespressivo, forse si apparirà più giovani in fotografia, ma si perderà in vitalità
  • Conservare salute e integrità dei propri denti, anche quelli “dietro”, perché proteggono dall’usura quelli “davanti” (oltre a servirci per mangiare…)
  • Non cercare sempre “per forza” la perfezione (un piccolo difetto, talvolta, risulta “simpatico”) ma, se l’allineamento complessivo dei vostri denti non vi piace, chiedete al vostro dentista di correggerlo con ortodonzia o protesi, altrimenti vi troverete a non sorridere più con naturalezza (e questo verrà notato perché influenzerà anche il vostro umore…)
  • Se volete proprio provare il filler labiale “in grande quantità”, accertatevi che si tratti di materiale riassorbibile (ora, per legge, dovrebbe essere sempre così), fotografatevi prima e dopo MENTRE SORRIDETE e, se vi accorgete che l’effetto non esalta la giovinezza del vostro sorriso, quando (dopo alcuni mesi) l’effetto sarà sparito, ricordatevi di non ripetere l’errore!
  • Se, invece, le dimensioni delle vostre labbra sono piacevoli ma i denti non si vedono perché sono, per loro natura, piccoli (oppure sono consumati) chiedete aiuto al vostro dentista che, in maniera poco invasiva, potrà modificare forma, dimensione e colore con delle faccette estetiche.

Se avete domande potete continuare a scrivermi a: dottore@attiliovenerucci.it oppure inviatele direttamente alla redazione di Savona News

 

Attilio Venerucci

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium