/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 12 febbraio 2019, 16:33

Albenga: Villino XXV Aprile, quale il suo futuro?

Le voci sollevate e riportate dal consigliere Ciangherotti parlano della decisione di concederlo ad una associazione, voci non confermate dall'amministrazione Cangiano.

Albenga: Villino XXV Aprile, quale il suo futuro?

Villino XXV Aprile ad Albenga da tempo inutilizzato è una di quelle strutture (tra l'altro in una collocazione importante, si trova sul viale vicino al lungomare) in attesa di "riconversione".

In realtà qualche ipotesi su un suo possibile utilizzo in passato è stato fatto ed anche alcune associazioni avevano pensato di chiedere di poterlo utilizzare, ma nulla è stato fatto. La campagna elettorale di Albenga, che inizia a diventare "infuocata" porta i riflettori anche su di esso.

Afferma il consigliere Eraldo Ciangherotti: "Da alcuni giorni, negli ambienti amministrativi, a Palazzo Civico, sta girando una voce che ci sta preoccupando non poco e, soprattutto, dovrebbe preoccupare le categorie agrituristiche. La giunta Cangiano, che per cinque anni si è minimamente preoccupata nè della messa a norma, nè della destinazione del villino ex XXV Aprile, al fondo di viale Italia, vorrebbe affidare l’immobile ad un circolo culturale che, da alcuni anni organizza eventi e manifestazioni e che, per vari motivi, nelle prossime settimane dovrà lasciare l’attuale sede. Non mettiamo in dubbio l’importanza dell’attività del circolo, crediamo però che affidare ex villino oggi, a poche settimane dalle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale, sia una scelta sbagliata, inopportuna e istituzionalmente poco rispettosa".

Sebbene l'amministrazione Cangiano smentisca tali voci: "In realtà nessuno ha parlato recentemente di concedere il Villino ad una associazione", una ipotesi sul suo possibile utilizzo arriva proprio da Ciangherotti che afferma: "Da un anno, infatti, abbiamo resa pubblica la nostra intenzione, in caso di vittoria alle elezioni, di destinare il villino ex XXV Aprile a casa delle eccellenze enogastronomiche del territorio ingauno, un modo per promuovere agricoltura, mondo enologico, ristorazione e turismo, veri capisaldi del nostro sviluppo. Credo sia giusto e corretto che a decidere del villino sia la prossima maggioranza. Se vinceremo noi, come credo, diventerà un centro per promuovere le eccellenze, in caso contrario sarà il centrosinistra a decidere”.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium