/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | 17 febbraio 2019, 09:00

Finalborgo diventa campo d'azione di una gara di orienteering

Si correrà domenica 24 febbraio, per le vie del Borgo, una tappa del Campionato Ligure Sprint di corsa d’orientamento

Finalborgo diventa campo d'azione di una gara di orienteering

Il fascino di una disciplina sportiva moderna e innovativa come l’orienteering approda a Finalborgo. Si correrà infatti domenica 24 febbraio, per le vie del Borgo, una tappa del Campionato Ligure Sprint di corsa d’orientamento.

La partecipazione è valevole come quarta prova del Trofeo “Sea 0 Liguria 2019”, evento sportivo giunto alla sua sesta edizione.

Per la prima volta, quindi, Finalborgo diventa protagonista di una “sfida” di questo tipo. L’evento è organizzato dal Team Genova Orienteering con il patrocinio della FISO (Federazione Italiana Sport Orientamento), del Comune di Finale Ligure e con la collaborazione della sezione finalese del CAI – Club Alpino Italiano nella stesura del tracciato.

Per chi non lo sapesse, l’orienteering (orientamento, in italiano), è una disciplina sportiva che nei paesi scandinavi, dove è stata inventata, si pratica da circa un centinaio di anni, ma che solo da un paio di decenni a questa parte ha iniziato a prendere piede anche nel resto d’Europa. Le tre formule che meglio si sono affermate nel tempo sono quelle a piedi (sia in ambienti boschivi, sia nei centri storici delle città), in mountain bike e sugli sci, ma soprattutto negli USA sono state sperimentate altre varianti particolari, tra cui quella in canoa e quella a cavallo. Lo scopo è quello di seguire un percorso predefinito e segnato da punti di riferimento chiamati tecnicamente “lanterne” senza l’ausilio di tecnologie informatiche ma solo basandosi su bussola e cartina topografica.

Quest’attività ha molteplici aspetti positivi: per quanto riguarda il singolo individuo aiuta a sviluppare la concentrazione, la lucidità d’azione e il problem solving, ma da un punto di vista culturale, obbligando i concorrenti a guardarsi attorno per cercare i punti di riferimento, rappresenta un arricchimento della conoscenza del territorio naturale (in caso di gara boschiva) o del patrimonio storico, architettonico, artistico e monumentale (nelle gare cittadine).

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium