/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 19 febbraio 2019, 15:38

I Senatori della Lega in visita ad Albenga: "Se i numeri lo consentiranno, siamo favorevoli a riaprire il tribunale"

Nel corso della serata, numerose le tematiche affrontate, tra cui anche quella del carcere in provincia di Savona

I Senatori della Lega in visita ad Albenga: "Se i numeri lo consentiranno, siamo favorevoli a riaprire il tribunale"

“Se i numeri lo consentono, noi siamo pronti a firmare domattina il nostro impegno per la riapertura della sezione di Albenga del tribunale”. 

Ad affermarlo, ieri sera ad Albenga, i Senatori della Lega Paolo Ripamonti, Andrea Ostellari, presidente della Commissione Giustizia di Palazzo Madama, Emanuele Pellegrini, componente della Commissione Giustizia, nel corso dell’incontro pubblico organizzato dalla Lega - Sezione Albenga e Valli Ingaune dedicato alla riforma della legittima difesa e al futuro del processo civile e penale.

“La chiusura della sezione distaccata del tribunale di Albenga è stato un errore dei governi precedenti di centrosinistra, un’eredità pesante con la quale dobbiamo purtroppo fare i conti. Certo che se le condizioni lo consentissero, se l’amico Gerolamo Calleri da sindaco si facesse promotore di questa iniziativa, sicuramente lo sentiremmo in audizione in Commissione e metteremmo tutto il nostro impegno perché ciò possa concretizzarsi”.

Nel corso della serata, numerose le tematiche affrontate, tra cui quella del carcere in provincia di Savona. “Ho sentito il sottosegretario alla Giustizia Jacopo Morrone, mi ha promesso di venire a breve a fare un sopralluogo sul territorio della provincia di Savona, per verificare di persona le realtà delle sedi distaccate chiuse e possibili zone a Savona e Val Bormida per una nuova struttura carceraria, assolutamente necessaria per la Liguria”, ha aggiunto il Senatore Paolo Ripamonti.

Il candidato sindaco Gerolamo Calleri ha ringraziato i Senatori, riaffermato la sua posizione favorevole nei riguardi della riforma della legittima difesa (“Il percorso avviato dal ministro Salvini e dal governo è quello giusto: se qualcuno vuole entrare in casa mia con cattive intenzioni, devo avere il diritto di difendermi”) e li ha invitati a tornare ad Albenga “dopo giugno, siamo lavorando per renderla ancora più bella”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium