/ Economia

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 21 febbraio 2019, 16:00

Firenze e Siena: due "capitali della cultura" facilmente collegabili in bus l'una all'altra

Entrambe le città sono state dichiarate "Patrimonio Mondiale dell'Unesco" in virtù dei loro immensi tesori artistici, storici e architettonici

Firenze e Siena: due "capitali della cultura" facilmente collegabili in bus l'una all'altra

Firenze e Siena: due centri della Toscana che, in una ipotetica classifica delle “capitali morali d’Italia” per quanto riguarda il patrimonio d’arte, storia, architettura, meriterebbero i primi posti.

Se si nominano Firenze e Siena a qualsiasi interlocutore vengono a bruciapelo in mente due caratteristiche: gli Uffizi per la prima e il Palio per la seconda. Ma queste due città sono molto di più: Firenze, capoluogo della Toscana, conta circa 400mila abitanti, ma a sua volta fa parte di una grande rete metropolitana che ingloba al suo interno i capoluoghi di provincia di Prato e di Pistoia, creando così un’area da oltre un milione e mezzo di persone.

Fondata già dagli Etruschi prima ancora dell’Antica Roma, Florentia (poi Firenze) ha visto i suoi massimi splendori nell’Evo Moderno, come capitale del Granducato di Toscana sotto il governo della dinastia De’ Medici. Ma la sua importanza non si concluse certo dopo quel momento storico: infatti dal 1865, subito dopo Torino, fu proclamata capitale del Regno d’Italia (l’unità nazionale, lo ricordiamo, si raggiunse solo nel 1861, quindi quattro anni prima) e lo restò fino alla fine del Risorgimento.

Ovviamente tutto questo blasone ha lasciato un immenso patrimonio culturale, tanto da conquistare nel 1982 il titolo di Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Piazza della Signoria, il Palazzo Vecchio, la già menzionata Galleria degli Uffizi, il Campanile di Giotto, il Pontevecchio, Palazzo Pitti sono solo alcune delle meraviglie architettoniche che si possono ammirare a Firenze.

Siena è anch’essa Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, con riconoscimento assegnato dal 1995. Ciò in virtù soprattutto del suo meraviglioso centro storico medievale. Anch’essa risale ai tempi degli Etruschi come Firenze e dopo il 1348 conquista il titolo di Repubblica di Siena e nel 1859 fu la prima città toscana ad aderire al Regno d’Italia.

Se si vuole viaggiare in  virail è facile, rapido ed economico: le due città distano circa una settantina di km l’una dall’altra e il tragitto può durare poco più di un’ora in base al percorso effettuato e alle condizioni del traffico.

Certo, due luoghi così belli e ricchi di storia e di cultura sarebbero davvero sprecati se si cercasse di visitarli in una “maratona” di un solo giorno. Ma nulla vi vieta di organizzare la vostra vacanza in modo tra trascorrere, nell’arco di una settimana, metà del tempo a Firenze, poi prendere il bus e completare il vostro soggiorno a Siena. Ed essendo anche due città rinomate in tutto il mondo per la loro gastronomia, avrete di che leccarvi i baffi per tutto il vostro soggiorno. Tra i simboli della cucina di queste due città rientrano la classica “bistecca alla fiorentina”, i “pici”, degli spaghettoni dal grosso diametro, che possono essere conditi “cacio e pepe” o “all’aglione” (un sugo ricco di aglio, come dice il nome stesso), oltre a una grande tradizione per quanto riguarda il confezionamento e la stagionatura di affettati, formaggi e vini.

ip

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium