/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 22 febbraio 2019, 14:06

"Parliamo di sicurezza": la Lega a Finale organizza un incontro pubblico sul tema

All'evento organizzato e condotto dalla capogruppo consiliare Marinella Geremia parteciperanno anche i parlamentari liguri Francesco Bruzzone e Sara Foscolo

Immagine di repertorio: un recente incontro della Lega in sala Gallesio

Immagine di repertorio: un recente incontro della Lega in sala Gallesio

A Finale Ligure si torna ad affrontare un tema importante e seguito con interesse da tutta la cittadinanza. Si intitola infatti “Parliamo di sicurezza” l’incontro che si svolgerà domenica 10 marzo a partire dalle 17 presso la Sala Gallesio di via Tommaso Pertica 24, a Finalmarina.

L’evento è organizzato da Marinella Geremia, capogruppo della Lega a Finale Ligure, che svolgerà anche il ruolo di moderatore dell’incontro.

Dopo i saluti di Roberto Paolino, segretario della Lega di Finale Ligure, l’introduzione sarà affidata all’avvocato Cristina Franco, che successivamente, cederà la parola ai relatori: l’avvocato Alessio Abbinante del Foro di Alessandria e il consigliere comunale della Lega Fabrizio Ricca di Torino.

Interverranno inoltre due tra i rappresentanti liguri della Lega in Parlamento: il senatore Francesco Bruzzone e il deputato della Camera Sara Foscolo.

Spiegano gli organizzatori: “Dopo l'avvenuta approvazione a novembre scorso  del pacchetto di norme chiamato Decreto Sicurezza o Decreto Salvini, è necessario oggi  spiegarne le motivazioni, il progetto che ne sta alla base e le effettive opportunità che deriveranno.

Al di là delle facili critiche, è innegabile che il decreto fornisca risposte concrete agli italiani incidendo con efficacia su temi delicati  e attualissini come la lotta al terrorismo e alle mafie, l'allestimento e l'implementazione di misure che rafforzino la pubblica sicurezza (nelle pubbliche piazze, negli impianti sportivi, sulle spiagge, nelle abitazioni private) e la migliore gestione delle politiche migratorie. Sì, ce n'era bisogno. Il decreto non scardina ciò che di positivo è stato fatto negli ultimi anni, anzi: lo rinforza e implementa.

Ciò che invece rappresentava inutile dispendio di risorse allocate in sistemi e procedure che non garantivano efficaci misure di sicurezza è  stato radicalmente riformato. Il convegno del 10 marzo rappresenta un'ottima occasione di spiegazione alla cittadinanza ed anche di confronto costruttivo”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium