/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 01 marzo 2019, 18:28

Finale Ligure: Gualberti replica alla candidata Cileto: "Parlate per propaganda politica"

Gualberti: "Vorrei comunque sottolineare che non è per nulla il termine “integrazione” che possa suscitare reazioni “bovine”, ma eventualmente la locuzione “immigrazione incontrollata”

Finale Ligure: Gualberti replica alla candidata Cileto: "Parlate per propaganda politica"

Si accende il botta e risposta a Finale Ligure sul tema, ampiamente discusso nei giorni scorsi, circa la lezione sui migranti svoltasi in una scuola di Finale Ligure.

La candidata Cileto con la lista "Per Finale" aveva attaccato duramente la Lega (LEGGI QUI). Non ha tardato ad arrivare la risposta di Gualberti che afferma con una nota a favore della Lega: "La Candidata Sindaca del gruppo ambientalista “Per Finale”  vorrebbe descrivere la Lega ed i suoi elettori come barbari privi di senno e cultura, addirittura pronti ad infuriarsi come tori innanzi al drappo rosso,  al solo pronunciare della parola “integrazione”. Mi fa molto piacere abbia citato l’Abate Ghiglieri, perché rende onore alla  memoria  di un sacerdote che  istituì con il suo lascito tre scuole pubbliche “nelle quali debba erudirsi indistintamente chiunque vorrà avervi accesso”, insegnando retorica, filosofia e umanità. Il concetto stesso di scuola pubblica, anticipato diversi secoli prima dall’Abate Ghiglieri, ne dovrebbe sancire la laicità, con insegnamenti rivolti all’educazione e alla formazione dei ragazzi. Non credo che nessuno voglia incidere sull’autonomia didattica di una scuola e toccherà eventualmente agli insegnanti e agli organi rappresentativi determinare le attività non contemplate dai programmi ministeriali. La Dott.ssa Cileto con una propria interpretazione è giunta ad una conclusione utile alla sua propaganda politica, ha cioè strumentalizzato quanto paradossalmente vorrebbe tutelare. In tutti i casi condivido il suo invito ad evitare caciare elettorali e credo proprio, dopo la serie di attacchi concentrici di cui ha voluto gentilmente onorarci, vorrà iniziare per prima. Vorrei comunque sottolineare che non è per nulla il termine “integrazione” che possa suscitare reazioni “bovine”, ma eventualmente la locuzione “immigrazione incontrollata” e se di questo vorrà parlare, sono disponibile a farlo  in qualunque momento lo desideri. Sulla necessità di interventi sulle scuole concordo invece pienamente. Sul punto ogni programma elettorale dovrebbe iniziare con le prime tre parole del discorso di insediamento di Tony Blair alla Camera dei Comuni: Istruzione, Istruzione, Istruzione. Solo la cultura ci potrà salvare e come l’Abate Ghiglieri anche noi crediamo che “debba erudirsi indistintamente chiunque vorrà avervi accesso”, senza distinzione di razza, sesso o religione, possibilmente con le maggiori risorse possibili."   

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium