/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 04 marzo 2019, 11:36

Finale Ambiente: partito il cantiere per il nuovo capannone

La struttura misurerà 3500 metri coperti e 1500 scoperti. La superficie effettiva supera i 5400 metri

Nella foto: il vecchio capannone di Finale Ambiente

Nella foto: il vecchio capannone di Finale Ambiente

Al via nella mattinata di oggi, lunedì 4 marzo, i lavori di realizzazione del nuovo capannone di Finale Ambiente.

La firma del contratto di acquisizione della struttura, decisa dall’amministrazione comunale dopo che non era andata in porto la formula del leasing, è avvenuta il 5 giugno 2018. Un milione e 600mila euro è la cifra pattuita per l'acquisto del nuovo capannone che misurerà 3500 metri coperti e 1500 metri quadrati scoperti. La superficie effettiva supera i 5400 metri quadrati .

Tutto questo mentre la partecipata multiservizi del Comune di Finale (che gestisce la raccolta dei rifiuti, il porto, le spiagge libere attrezzate e i parcheggi) “festeggia” l’inizio del 2019 superando il tetto del 66% di differenziazione nella raccolta. Un valore superiore al tetto minimo del 65% imposto dalle normative regionali.

Commenta il primo cittadino di Finale Ligure Ugo Frascherelli: “Se tutto procede secondo il cronoprogramma dovremmo avere la nostra sede entro qualche mese. Sarà un grande risultato sotto ogni punto di vista: della logistica, degli spazi, degli ambienti di lavoro ma soprattutto del ruolo strategico che Finale dovrà avere nell'ambito del nuovo ATO. Avremo infatti i luoghi, le attrezzature, gli strumenti per svolgere nel modo migliore tutti i compiti che questo Ambito Territoriale imporrà. I risultati in termini di differenziata sono indubbiamente lusinghieri, grazie anche alla collaborazione dei cittadini, consapevoli dell'importanza del rispetto dell'ambiente. A regime, quindi un po' più sulla lunga distanza, si potrà arrivare a una perfetta tariffazione puntuale in base al reale materiale differenziato. Non sarà un percorso né breve né facile, ma l'impegno dell'azienda, dei cittadini e le tecnologie disponibili fanno sì che io sia ottimista e fiducioso".

Sulle vicende legate al nuovo DG, commenta il sindaco: "Intanto esprimo il mio ringraziamento al consiglio direttivo di Finale Ambiente e a tutto il personale per l'ottimo lavoro che stanno svolgendo in questa fase di transizione. Penso che potremmo arrivare a un nuovo direttore prima dell'estate: certo, non sarà il massimo per chi si insedierà il fatto di doverlo fare in una stagione di picco, ma le tempistiche penso che saranno queste. Mi spiace che Tiziana Merlino e Silvio Ascoli abbiano intrapreso altre strade, ma il fatto che siano approdati a due grandi città come Genova e Latina dimostra il loro valore e di conseguenza dimostra che nella scelta avevamo visto giusto. Merlino era presente sul territorio e tra la gente, Ascoli dimostrava una straordinaria competenza giuridica, se avessi potuto li avrei tenuti entrambi e insieme, come direttori complementari. Ma qui parliamo di libro dei sogni, non siamo una città come Roma o Milano..."

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium