/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | 18 marzo 2019, 16:08

Accordo per la prosecuzione della collaborazione tra la Regione e il Ministero della Salute per attività concernenti la profilassi internazionale

L’accordo avrà una validità di due anni dalla data di stipula

Accordo per la prosecuzione della collaborazione tra la Regione e il Ministero della Salute per attività concernenti la profilassi internazionale

È stato rinnovato l’accordo tra Regione Liguria – Assessorato alla Sanità, Politiche Sociali e Sicurezza e il Ministero della Salute – Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria per lo svolgimento in collaborazione di attività concernenti la profilassi internazionale e la sanità transfrontaliera.

L’accordo – che avrà una validità di due anni dalla data di stipula – stabilisce, tra le altre cose:

di proseguire la fattiva collaborazione, già avviata con gli Accordi del 27 gennaio 2012, 11 marzo 2015 e 11 marzo 2016, in attività inerenti la profilassi internazionale e la sanità transfrontaliera, con particolare riguardo all’applicazione delle misure di profilassi previste dal Regolamento Sanitario Internazionale e alla vigilanza sulle importazioni da Paesi terzi di merci di interesse sanitario quali alimenti di origine non animale, materiali destinati a venire a contatto con alimenti e su altre merci che richiedono accertamenti sanitari ai fini della protezione della salute pubblica;

l’assistenza sanitaria ai propri assistiti;

che per un proficuo svolgimento di queste attività le Amministrazioni concorderanno che il personale medico e/o tecnico-sanitario e/o amministrativo delle ASL della Regione Liguria e/o della Regione stessa venga collocato in posizione di comando da parte dell’ASL di appartenenza o della Regione presso le sedi dell’USMAF-SASN Liguria;

che il Ministero della Salute si farà carico di tutti gli oneri relativi al trattamento economico fondamentale e accessorio del personale comandato e metterà a disposizione le necessarie risorse infrastrutturali, facendosi altresì carico degli obblighi del datore di lavoro concernenti la sicurezza sul lavoro e delle spese derivanti da eventuali missioni effettuate dal personale interessato e legate all’espletamento dell’oggetto della collaborazione.

A distanza di un anno dalla data di sottoscrizione di questo Accordo potrà essere formalizzata una relazione sui principali aspetti toccati dalla collaborazione e sulle ipotesi di soluzione analizzate, sui risultati raggiunti e sulle proposte di progetti pluriennali di interesse comune.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium